CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, altro Pochesci show: “Anche a sky dò la formazione sbagliata”

Calcio Terni Sport Narni Orvieto Amelia

Ternana, altro Pochesci show: “Anche a sky dò la formazione sbagliata”

Redazione sportiva
Condividi

Dino Scaia e Michele Proietti dell'Amerina in mezzo a Johad Ferretti

TERNI– Conferenza stampa pre-gara anticipata per motivi organizzativi dalla Ternana col tecnico Sandro Pochesci che arriva direttamente dal supercorso di Coverciano: “Ho perso due giorni di lavoro – esordisce – ma fino a maggio sarà così e una volta al mese dovrò lasciare i dettami ai miei collaboratori”.

Poi passa al suo momento: “E’ stata una settimana fantastica, con la vittoria contro il Cesena, che ho voluto dedicare ai miei genitori presenti allo stadio. Mi sta scorrendo la vita davanti, ma nel calcio ci si mette poco a tornare nessuno. Sta a me non farci scappare l’occasione. Le mie squadre giocano bene? Certo, ma finora non ho vinto niente, ho lanciato però molti giovani.Il giorno che diventerò anche un vincente allora sarò un tecnico completo”.

Sulla squadra e il rapporto con tifosi e stampa: “Quello che dice la stampa e quello che dicono i tifosi non ci deve interessare, solo il lavoro ci migliora, senza siamo una squadra normale. Invece spesso siamo costretti a sorbirci giudizi di tanta gente che non ne capisce di calcio. L’ho già detto, non siamo stanchi fisicamente, chi ha passione per questo sport non si dovrebbe stancare mai. Vedo solo stanchezza mentale”

Sulla formazione. Presto, ovviamente per fare qualunque ipotesi di formazione: “Non ho ancora deciso, ma la squadra sta bene, non è andata mai in affanno se non per qualche minuto.  Anche Sky vuole la formazione un’ora e mezza prima: io gliela dò sempre sbagliata, poi la cambio. Taurino mi mi ha impressionato in allenamento, può darsi che in queste tre partite ravvicinate che avremo possa esordire. Carretta non penso possa giocare dall’inizio perchè non è pronto, ma deve mettere minuti sulle gambe e quindi potrebbe anche entrare in corso, a Cesena ha fatto bene. Signorini invece  Non è ancora pronto mentalmente, come gli sbatte la palla addosso si tocca la faccia. Non posso permettermi di sbagliare scelta. Favalli? Per me non è un difensore”.

Sull’attacco dice invece: “Tremolada ci dà grande qualità, ma voglio da lui più semplicità. Fa delle ottime giocate ma a volte i compagni non lo capiscono, deve giocare in modo più semplice, perchè il giocatore più tecnico che abbiamo. Dicevano che Tiscione e Tremolada non possono giocare insieme, ma a mio avviso i giocatori tecnici vanno sempre fatti giocare. Albadoro non è una punta ma si deve adattare. L’ho visto bene ed ha le potenzialità per fare le cose che gli dico. Tra un paio di mesi sarà al top e segnerà molti più gol, vedrete. Montalto è un capoccione, deve credere più in se stesso. Io l’ho preso perchè sono convinto più di lui delle sue potenzialità, ma mi deve convincere”. Poi ribadisce il suo credo: “Il messaggio è difendersi attaccando: in trasferta piuttosto inserisco una punta in più invece che in meno. Per me ogni partita può essere l’ultima, dunque…”

Sull’Entella. Sul prossimo avversario dice: “Voglio sempre una Ternana con gli occhi della tigre soprattutto fuori casa. Non possiamo permetterci di fare calcoli, dobbiamo solo giocare come sappiamo senza curarci dell’avversario. La mentalità deve essere sempre la stessa contro ogni avversario. Non posso permettermi di sbagliare perchè alla prima sconfitta ritorneranno i dubbi iniziali. Giocheremo su un campo sintetico, dovremo stare bene fisicamente”

Passione Bandecchi. Il patron rossoverde ha incontrato in videoconferenza il tecnico prima dell’allenamento: “La proprietà ci mette oltre la faccia anche il nome, ci sta molto vicina- dice – Il patron Bandecchi sta seguendo in prima persona con grande passione questa stagione. Abbiamo avuto un colloquio e mi ha fatto una promessa che possa far gioire il popolo ternano”.

Ad Amelia conferenza stampa per l’affiliazione del club alla Ternana Unicusano

Dare ai giovani un’opportunità di crescita sportiva e umana. E’ con questo obiettivo reciproco che l’Amerina Calcio ha sottoscritto l’accordo di affiliazione alla Ternana Unicusano presentato oggi pomeriggio nella sala consigliare del Comune di Amelia. Ad illustrare l’intesa il sindaco, Laura Pernazza, il presidente della Ternana, Stefano Ranucci, il presidente dell’Amerina, Dino Scaia, il responsabile del settore giovanile della società rossoverde, Silvio Paolucci, il vice presidente della Fgci regionale Massimo Micciani e il calciatore Johad Ferretti in rappresentanza della squadra.

“Questa è una giornata importante – hanno detto il sindaco Pernazza e il presidente dell’Amerina Scaia – perché la Ternana Unicusano, unica società professionistica della provincia di Terni, rappresenta un punto di riferimento per tutte le società sportive dilettantistiche. Noi siamo convinti che questo sodalizio possa portare tante nuove opportunità nello sport e non solo”. Scaia ha poi sottolineato il valore aggiunto di tutto lo staff dirigenziale e tecnico della Ternana Unicusano. “E’ fondamentale che il loro apporto sia da stimolo e da guida per i nostri ragazzi e per i nostri tecnici – ha detto – perché il confronto con dei professionisti del livello di quelli della Ternana non può fare che bene a tutto il nostro movimento”.

“Noi  come Ternana Unicusano – ha dichiarato il presidente rossoverde Ranucci – siamo felici di aver stretto questa collaborazione ed abbiamo intenzione di estendere il progetto di affiliazione anche ad altre realtà del territorio. Può costituire un’opportunità per i giovani per mettersi in mostra senza mai dimenticare però un concetto fondamentale sul quale noi battiamo in modo particolare. Il calcio è importante ma di più lo è lo studio e la cultura”.

Un concetto che è stato ribadito anche da Scaia, dalla Pernazza e da tutti gli altri presenti in una sala del Consiglio gremita dai giovani dell’Amerina, dal resto della giunta comunale, dai consiglieri e da molti cittadini che hanno assistito alla presentazione. “Noi – ha aggiunto sempre il presidente dell’Amerina – puntiamo molto sul settore giovanile e dico fin da ora che mettiamo tutte le nostre strutture a disposizione della Ternana, anche in considerazione del fatto che finalmente martedì prossimo partiranno i lavori di adeguamento degli spogliatoi del Paticchi”.

Nel suo intervento Paolucci ha insistito molto sulla volontà della Ternana “di ricreare un senso di appartenenza. Per farlo abbiamo deciso di cominciare anche dalla costruzione di un rapporto positivo e continuo con le società dilettantistiche del territorio”. Micciani infine ha sottolineato la valenza di questo accordo, auspicando che abbia un seguito ad Amelia e in altre realtà del territori affinché la cultura dello sport cresca e si sviluppi sempre di più.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo