CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Ternana a Catanzaro, Lucarelli: “Primo vero match clou, loro sono una big”

Calcio Sport

Ternana a Catanzaro, Lucarelli: “Primo vero match clou, loro sono una big”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – La Ternana prima in classifica va all’esame del Catanzaro che arriva al Liberati domani alle 15. Il tecnico rossoverde Cristiano Lucarelli parla ai cronisti alla vigilia su zoom.

L’avversario. Si comincia parlando dei calabresi. Il tecnico avverte:  “Il Catanzaro ha una grande rosa e un allenatore bravo, una società molto ambiziosa che vuole salire di categoria, è una delle più forti del nostro Girone, con due gare in meno potenzialmente potrebbe essere a 14 punti. Ho visto 3-4 partite e non ho trovato grandi punti deboli. Squadra esperta e forte difensivamente, mercoledì in Coppa Italia ha messo in difficoltà il Genoa. Domani sarà il match clou, con un coefficiente altissimo di difficoltà, sarà un bel banco di prova per noi. Calabro è un bravissimo allenatore, con un 3-5-2 molto solido. Hanno fatto un mercato funzionale al sistema di gioco, metto il Catanzaro tra le favorite. E’ una squadra esperta con Verna, Di Piazza, Curiale, Fazio, Altobelli, Evacuo, Garufo, giocatori che negli ultimi anni hanno sempre vinto campionati. Ho trovato difficoltò a trovare punti deboli ai giallorossi, non regalo complimenti a nessuno, è la verità. Curiale l’ho avuto a Catania, ha fatto 17 gol, hanno ricambi in ogni ruolo, loro valgono le primissime del nostro girone”.

La condizione. La squadra rossoverde ha avuto qualche giorno di riposo in più dopo le ultime sfide. ” I due giorni di riposo sono stati utili per ricaricare le pile. Le tre partite consecutive ci hanno un po’ scaricato, avevo chiesto alla squadra di dare tutto in quei 7 giorni, ma ora la squadra aveva bisogno di recuperare, non solo fisicamente ma soprattutto mentalmente, abbiamo speso molto perché sollecito molto i ragazzi da questo punto di vista. Ogni tanto staccare la spina serve, anche tra poco ci saranno altre tre partite consecutive”

Continuità. E prosegue: “Iniziare bene non è sufficiente per vincere i campionati, dobbiamo trovare una linea di continuità di prestazioni, ma soprattutto di risultati. Mi aspetto ancora di “rubacchiare” qualche partita, cioè vincere quando l’avversario gioca meglio di te, e lì devi tirare fuori le unghie e i denti, in una giornata come quella contro la Casertana. Voglio vedere anche questo tipo di atteggiamento, di vincere anche quando non si gioca bene, per il momento abbiamo sempre fatto delle buone prestazioni, contro il Palermo abbiamo giocato meglio che contro il Potenza, non sempre il risultato esprime quello che si è visto in campo”

Le ultime. Senza Celli e Diakitè, da valutare Palumbo che ha avuto febbre e virus intestinale. Da verificare anche Falletti che domenica ha chiesto il cambio. Possibili due o tre cambi nell’undici titolare.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere