CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Una Tac di ultima generazione all’ospedale di Città di Castello

Cronaca e Attualità Alta Umbria

Una Tac di ultima generazione all’ospedale di Città di Castello

Redazione
Condividi

La presentazione della nuova Tac con la presidente Marini, il sindaco Bacchetta, il dottor Mancini e il direttore della Usl Casciari

CITTA’ DI CASTELLO – E’ stata inaugurata ufficialmente questa mattina la nuova Tac dell’ospedale di Città di Castello. “In questi anni la Regione Umbria ha sostenuto i piani delle Aziende sanitarie per il rinnovo delle strumentazioni tecnologiche al servizio dei cittadini per garantire loro una migliore e più efficiente risposta alle esigenze di diagnosi e cura. E l’inaugurazione, oggi a Città di Castello, della Tac  di nuova generazione che rivoluzione radicalmente la dotazione tecnologica dell’ospedale, ne è la conferma”: lo ha affermato la presidente regionale Catiuscia Marini, intervenuta questa mattina alla cerimonia di inaugurazione insieme all’assessore regionale Fernanda Cecchini, al sindaco Luciano Bacchetta, al direttore generale dell’Azienda sanitaria Andrea Casciari, al direttore sanitario Silvio Pasqui, al deputato Walter Verini e al personale sanitario. Presenti anche il sindaco di Citerna, Giuliana Falaschi, e quello di San Giustino Paolo Fratini.

“Questo piano di investimenti per il rinnovo delle apparecchiature tecnologiche – ha proseguito la presidente – consentirà agli operatori di accrescere le loro competenze e conoscenze ed ai cittadini di poter ricevere assistenza e cure più puntuali e adeguate. Una medicina all’avanguardia, infatti, è tale se capace di saper accogliere le innovazioni scientifiche e tecnologiche”. Marini ha poi aggiunto che questo importante risultato di adeguamento e miglioramento delle tecnologie sanitarie “è stato possibile grazie al fatto che le stesse Aziende sanitarie umbre hanno avuto una buona capacità di programmazione, di governo ed efficientamento della spesa. Ciò ha liberato risorse – ha concluso – che abbiamo potuto investire per aumentare e migliorare le prestazioni e anche per ammodernare le attrezzature sanitarie”.

Casciari: altre novità in arrivo. Nell’occasione Il direttore della Usl Umbria 1, Andrea Casciari, ha annunciato una serie di novità per l’ospedale tifernate, a cominciare dal completamento dei lavori della nuova palazzina entro la prossima primavera (investimento di 1 milione di euro) che consentirà di avere nuovi spazi e riorganizzare così alcuni reparti. Prevista inoltre l’acquisizione di un Acceleratore Lineare con i lavori di adeguamento del secondo bunker, l’incremento di 2 posti letto OBI Medicina d’Urgenza con relativo adeguamento del locale di osservazione dei pazienti “barellati” in attesa di visita o accertamento, i lavori di adeguamento della Sala Parto per Emergenze Ostetriche, il nuovo laboratorio farmaceutico interno.

A illustrare nel dettaglio la nuova Tac è stato il dottor Enzo Mancini, direttore dell’Unità operativa di  Radiologia dell’Altotevere. Forniti anche alcuni dati relativi all’anno scorso: il 2016 si è chiuso per la “Sezione TC” Struttura Complessa di Radiologia di Città di Castello con 10mila 187 esami effettuati, di cui 5.244 esami per pazienti ambulatoriali, 1.893 esami per pazienti ricoverati nei vari reparti, 3.050 esami per pazienti provenienti dal Pronto Soccorso. Da un punto di vista qualitativo gli esami sono stati 4.339 neuroradiologici, 3.360 esami dell’encefalo, 539   dell’encefalo con “mezzo di contrasto” (MDC), 374 esami della colonna vertebrale, 12 della colonna vertebrale con MDC e infine 5.848 “esami body”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere