lunedì 27 Settembre 2021 - 09:34
14 C
Rome

Suona la campanella, scuole umbre alla prova Green Pass. Agabiti: “È come ripartenza del Paese”

Fra le novità c'è l'obbligo del Green Pass per tutti coloro che entrano nell'edificio, a qualunque titolo.Circa 3000 professori non vaccinati.

PERUGIA – E’ ìl giorno della la riapertura delle scuola anche in Umbria come in altre 9 regioni d’Italia. Fra le novità c’è l’obbligo del Green Pass per tutti coloro che entrano nell’edificio, a qualunque titolo. Green pass dunque  anche per i genitori che accompagnano i figli a scuola.È

Il certificato verde diventa dunque obbligatorio sia nelle strutture scolastiche sia per gli studenti che per ogni tipologia di lavoratore e il controllo è affidato al dirigente scolastico. Green pass vuol dire ovviamente vaccino o tampone nelle 48 ore precedenti: la mancata esibizione si tramuta in assenza ingiustificata e porta alla sospensione senza stipendio dopo il quinto giorno di assenza. In caso di contagi, andrà in quarantena la classe e non la scuola, che invece sarà isolata solo in caso di focolaio.

Docenti. A questo proposito va detto che sono circa 3000 i docenti non ancora vaccinati in Umbria, il 10% del personale.

Bambini e ragazzi Per i bambini fino a 11 anni è in corso lo screening attraverso test antigenici gratuiti  nelle farmacie aderenti pubbliche e private.

Prosegue quindi anche per l’anno scolastico 2021-2022 l’attività di prevenzione avviata nelle scuole umbre lo scorso anno. Per la prima fase del programma, che potrà subire modifiche tenendo conto dell’evoluzione epidemiologica e delle disposizioni nazionali, l’assessorato all’istruzione ha stanziato 500 mila euro a valere sul Fondo sociale europeo. Al momento, secondo i dati del sito regionale, le prenotazioni per i vaccini nella fascia 0-15 anni sono poco più di 11 mila, mentre in quella 16-19 ad aver completato l’intero ciclo vaccinale è il 45%.

Alla campagna hanno aderito poco più della metà degli studenti delle medie (platea in cui ci sono anche ragazzi con meno di 12 anni) e circa il 75% fra quelli delle superiori.

Trasporti. Sul fronte trasporti confermato il riempimento dei mezzi all’80%. . Gli autobus aggiuntivi sulla base dei calcoli fatti dalle aziende saranno 96, mentre per quanto riguarda i controlli dalle nuove linee guida è emerso che non serve un controllore per ogni bus, anche perché servirebbe un’enorme quantità di personale. I controllori a disposizione di Busitalia saranno 15 e verranno concentrati sulle tratte più frequentate e negli orari di punta, con la possibilità di controllare l’utilizzo delle mascherine e il fatto che tutti abbiano il biglietto.

Non il green pass, che come noto è obbligatorio solo sui lunghi tragitti, che tocchino almeno due regioni.

Agabiti. “L’inizio del nuovo anno scolastico mi piace accostarlo alla ripartenza reale del Paese Italia. Agli studenti umbri e alle loro famiglie rivolgo i migliori auspici per un anno ricco di soddisfazioni dopo le tante sofferenze vissute negli ultimi mesi a causa della pandemia”. Così l’assessore regionale all’Istruzione, Paola Agabiti. “Quello che si apre non è un anno scolastico come tutti gli altri – ha sottolineato l’assessore – ma è destinato ancora a misurare la nostra capacità di resilienza e resistenza a un’emergenza che non trova per il momento fine. Consapevoli che il virus è ancora ben presente nelle nostre vite, chiedo a tutto il personale scolastico, a cominciare dai docenti agli studenti di ogni ordine e grado, grande senso di responsabilità e collaborazione, necessari per affrontare in sicurezza e in tranquillità i mesi che abbiamo davanti a noi. A noi – ha concluso l’assessore – il compito di creare e gestire le condizioni per il ritorno alla normalità”.

La presidente Tesei “Auguro a tutti gli studenti di ogni ordine e grado che sia veramente questa volta un anno scolastico tranquillo e sereno”: ad affermarlo la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei. Tesei ha sottolineato l’importanza di implementare la campagna vaccinale. “Invito tutti a farlo – ha detto la presidente- e speriamo che riesca a farci vivere un anno scolastico in presenza. Un anno che speriamo non dobbiamo interrompere come è accaduto purtroppo in quello passato”.

Ufficio scolastico “Il nuovo anno scolastico in Umbria ha preso il via senza particolari criticità e con la necessaria attenzione in materia di sicurezza anti Covid”, ha dichiarato la dirigente dell’Ufficio scolastico regionale, Antonella Iunti. “Il ritorno in classe degli studenti umbri, di ogni ordine e grado, lo abbiamo preparato con l’obiettivo di restare in presenza per l’intero anno e in virtù di questo invito tutti, a cominciare dal personale scolastico, ma anche studenti e le loro famiglie, alla necessaria responsabilità collettiva che ci permetterà di ritrovare quella normalità perduta quasi due anni fa”, ha aggiunto. “Oltre a invitare alla responsabilità – ha concluso la dirigente dell’Usr – a tutti voglio dire grazie per la grande collaborazione e comprensione che hanno avuto e messo in campo in questi mesi, permettendo a questo Ufficio e alle istituzioni scolastiche, in collaborazione con la Regione Umbria e sotto le linee guida del ministero, di arrivare all’appuntamento odierno con una precisa organizzazione e con tutti i protocolli applicati”.

 

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi