mercoledì 6 Luglio 2022 - 00:18
32.6 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Studenti in piazza per il Pride: “Essere LGBT nelle scuole di Terni è ancora tabù”

Studenti in piazza: "Discriminati e messi a tacere, chiediamo scuole inclusive e sicure per tutti"

TERNI – Pochi ma buoni. Gli studenti ternani hanno sfidato il caldo e si sono ritrovati in piazza Tacito per il primo Student Pride, organizzato dall’Unione degli Studenti, insieme con la Casa delle Donne, Esedomani Terni, Cobas insegnanti e Agedo. Un corteo gioioso e colorato, partito da Piazza della Repubblica, in una città, che – è bene ricordarlo – ha negato il patrocinio all’Umbria Pride di venerdì pomeriggio, al contrario della Regione, che pure è dello stesso colore.

“Siamo fierə, siamo queer” è il grido che ha accompagnato la loro passerella ed in piazza Tacito non è mancata l’occasione per ricordare come la scuola sia ancora un luogo tabù per il mondo LGBT. Il caso di Chloe Bianco, la professoressa morta suicida dopo essere stata allontanata per aver fatto coming out, è ancora fresco eppure la città di Terni sembra essere completamente indifferente ed impermeabile, arrivando in tanti casi (molti i commenti in piazza) persino a negare l’esistenza del problema.

“Il Pride non è una ricorrenza, è la richiesta dei diritti. Siamo qui per ricordare quanto siamo ancora esclusi ed emarginati nelle scuole – è stato detto al microfono – Chiediamo le carriere alias ed i bagni neutri in tutte le scuole della città, il codice antimolestie e scuole sicure ed inclusive per tutti. Vogliamo ricordare che esistiamo. Essere LGBT qui a Terni è ancora un tabù. Ma non ci potranno zittire nè l’affossamento del Ddl Zan, nè le violenze che subiamo ogni giorno”.

Foto Tele Galileo

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]