CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Stroncone, Serafini candidato civico di centrodestra, frizioni con Lega e Fi

Politica

Stroncone, Serafini candidato civico di centrodestra, frizioni con Lega e Fi

Redazione politica
Condividi

STRONCONE– Parte la corsa alla successione di Alberto Falcini a Stroncone e comincia con un caso politico. Marco Serafini infatti, si presenta come candidato sindaco di una lista civica con dentro persone di centro destra (più destra che centro, alcuni anche vicini alla Lega), ma la Lega – che nel frattempo ha incassato l’uscita della coordinatrice comunale Lara Camoni – e anche Forza Italia, lo sconfessano: “Non ci rappresenta”. Andiamo con ordine.

Marco Serafini Si presenta per il Comitato Stroncone Civica  “superando calcoli, convenienze e attendismi, che non mi appartengono”. “Il mio paese, nel quale sono nato, cresciuto e nel quale vivo con la mia famiglia, merita oggi più che mai di essere protagonista e vivere una nuova fase di rilancio politico, sociale e culturale – si legge nella sua nota di presentazione –  La mia candidatura civica, fatta con orgoglio ma senza protagonismo, spero possa allargarsi fino ad assumere le caratteristiche di una ‘importante ed aggregante coalizione per il futuro’ nell’interesse unico del paese di Stroncone. L’idea della nostra comunità proiettata nei prossimi decenni, è il  valore aggiunto sul quale lavorare sin da oggi per tentare di incidere sul  ruolo del nostro comune nel contesto regionale e nel rapporto diretto con i propri cittadini.
La mia è la visione di una comunità unita, che  deve uscire dalla riproposizione di vecchi schemi e superare le lacerazioni del passato, che non hanno più senso di essere riproposte, se non per l’egoismo di pochi o per gli interessi trasversali di altri. Questa è la mia speranza e questa è la nostra sfida – conclude – che vogliamo vincere insieme ai tanti cittadini di Stroncone anticipando modelli alternativi di sviluppo e coniugando tradizione ed innovazione nel solo interesse della nostra comunità”.

Lega e Fi Barbara Saltamartini, commissario della Lega e Raffaele Nevi di Forza Italia parlano però di ‘candidato non condiviso’ e sottolineano che non c’è stata ancora una decisione su chi appoggiare: “In tal senso attribuirsi rappresentanze più ampie è una fuga in avanti che non aiuta a trovare la sintesi migliore”, dice la Saltamartini.

Serafini precisa. Serafini in una seconda nota precisa che non ci sono fughe in avanti: “intendiamo ribadire la natura esclusivamente civica  del nostro comitato, che pure, si ispira ai valori universali del centro destra. L´occasione ci è anzi gradita, per rinnovare ed evidenziare con forza, e senza personalismo alcuno, l’invito a tutte le forze, i movimenti e le associazioni che intendano aderire al progetto fattivamente e concretamente, con proposte, idee, positività, dedizione  e sacrificio.”.

Il Comitato Il Comitato spiega: “La scelta di un candidato come Marco Serafini, universalmente riconosciuto come persona di apertura e dialogo va proprio in questa direzione: la sua autonomia congiuntamente alle sue capacità di sintesi  e moderazione, rappresentano per il nostro progetto, un sinonimo di garanzia ed affidabilità per aggregare tutti coloro che vorranno raccogliere il nostro invito nell’unico interesse del territorio. La decisione di rompere anticipatamente gli indugi senza troppi tatticismi  è perciò fatta esclusivamente in autonomia rispetto ai partiti e nella volontà di rappresentare tutte le istanze finora raccolte,  evitando che le lacerazioni interne ai partiti stessi si riflettano su ciò che più ci sta a cuore, ossia il bene ed il futuro di Stroncone e delle sue  frazioni. Benvenga perciò il confronto con tutti coloro che realmente abbiano voglia di costruire un perimetro di condivisione di idee e programmi e soprattutto al di fuori di espedienti strumentali che avessero come obiettivo quello di fermare la voglia di riscatto di un’intera comunità”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere