CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sputa ai poliziotti e portato in questura gli si scaglia contro: in manette

Cronaca e Attualità Terni

Sputa ai poliziotti e portato in questura gli si scaglia contro: in manette

Redazione
Condividi

Agenti di Polizia

TERNI – Sputa ai poliziotti per strada, poi in questura ne afferra uno al collo e lo sbatte contro l’armadio. È stato arrestato il trentatreenne che, martedì sera, è stato indicato da alcuni presenti come il protagonista di una lite in via Del Reggio. Qui sono intervenuti i poliziotti che, in breve, hanno individuato il soggetto, che ha subito dato in escandescenze.

Generalità Secondo la ricostruzione, il trentatreenne di nazionalità tunisina si è rifiutato di fornire le proprie generalità e via via è diventato più aggressivo, arrivando a sputare contro gli agenti. Accompagnato in questura, l’uomo è diventato particolarmente violento e si è scagliato contro un poliziotto, afferrandolo al collo e sbattendolo contro l’armadio.

Agente L’agente in servizio è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari che, dopo gli accertamenti di prassi, gli hanno diagnosticato un trauma alla spalla e a un dito, dimettendolo con una prognosi di 15 giorni. Il trentatreenne, invece, è stato arrestato e deve rispondere di resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e nella mattina odierna verrà giudicato per direttissima.

Nel fiume Il soggetto, comunque, già nel marzo scorso si era gettato nel fiume Nera da Ponte Garibaldi per evitare un controllo, anche se poi è stato tratto in salvo dai pompieri. In quell’occasione è emerso che non aveva il permesso di soggiorno, oltre a varie denunce, ed era stato accompagnato a un centro di permanenza e rimpatrio. Da qui, però, è stato dimesso per il mancato riconoscimento della cittadinanza da parte dell’ambasciata della Tunisia.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere