CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sport di contatto e calcetto, dalle Regioni documento unitario per la riapertura

Sport Altri

Sport di contatto e calcetto, dalle Regioni documento unitario per la riapertura

Redazione sportiva
Condividi
Un campo dal calcetto
Un campo dal calcetto

ROMA– Dovrebbe essere presentato sul tavolo dei ministeri dello sport e della salute un documento unitario per chiedere la riapertura del calcetto e degli sport di contatto, situazione che darebbe respiro a numerosi lavoratori del settore che aspettano il via per ripartire. La conferenza delle regioni avrebbe scelto, secondo quanto emerge, una via unitaria, piuttosto che procedere in ordine sparso, nonostante alcune ordinanze regionali sembrassero decise alla ripartenza.

Una situazione che ha del paradossale, col comitato tecnico scientifico che ha nuovamente stoppato l’apertura a questi sport nonostante il parere favorevole del ministro Spadafora ma che non tiene conto per esempio, del distanziamento ormai saltato in diverse situazioni. Il documento sarà sottoposto anche all’esame del comitato tecnico scientifico nella speranza che sia sufficiente per un ravvedimento, ma al momento la situazione è tutt’altro che ottimistica, visto che fra le motivazioni del nuovo no ci sono i vari focolai ancora aperti e soprattutto, non c’è una data stabilita.

Spadafora. Il ministro Vicenzo Spadafora, che su facebook aveva dato l’ok alla ripartenza, con lo stesso mezzo esprime contrarietà rispetto alla posizione del comitato: “Sono riprese praticamente tutte le attività, i gruppi di amici si vedono e passano ore insieme, mangiando allo stesso tavolo, ma soprattutto abbiamo visto in ogni parte d’Italia persone giocare ad ogni tipo di sport nei parchi o sulle spiagge. Riprendere le attività dei centri sportivi, con le garanzie assicurate dal documento delle Regioni su sanificazione e mantenimento dei dati per i giorni necessari, aumenterebbe – io credo – la sicurezza per tutti. Non sono d’accordo con questo parere del cts, confermo il mio parere positivo e resto in attesa del parere del ministro Speranza”.