CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Spoleto e stampa umbra in lutto, é morto Sandro Morichelli

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Città

Spoleto e stampa umbra in lutto, é morto Sandro Morichelli

Redazione
Condividi

Sandro Morichelli

SPOLETO – É spirato questa mattina nella sua dimora spoletina, Sandro Morichelli, colonna portante della spoletinità, decano della stampa umbra: “Alle 6.20 del mattino, in completa serenità e circondato dai suoi famigliari è deceduto Sandro Morichelli, che ha lasciato un’impronta indelebile in tutti quelli che lo conoscevano bene – si legge nel post – appena avremo notizia riguardo le esequie imformeremo attraverso questa pagina”.

Sandro, discendente di un’importante famiglia di avvocati, e anche egli laureato in giurisprudenza, iniziò a scrivere giovanissimo per ‘Centro Italia’. Durante l’università collaborò con ‘Il Messaggero’. Nel tempo curò le corrispondenze per ‘Il giornale d’Italia’, ‘La Nazione’, ‘Il Tempo’ e per il ‘Corriere dell’Umbria’. Come inviato speciale ha firmato servizi da numerosi paesi europei.

Grande appassionato di sport, fu osservatore della Roma. Grazie alla sua polidiedricità, vinse numerosi premi letterari fra i quali il ‘San Valentino d’oro’ con il libro di poesie ‘Sorrisi di seta’, e tre ‘Euroassemblaggi Milano-Spoleto’ per la poesia narrativa. E poi il premio ‘Mario Campus’, il ‘Premio simpatia’, l’ ‘Ulivo d’oro’ e due edizioni di ‘Umbria d’oro’. Insieme al l’indimenticato sindaco Gianni Toscano, scrisse due opere che narrano la nascita del Festival dei Due Mondi. Fu anche direttore del ‘Festival club’, che accoglieva a ogni dopo spettacolo artisti e musicisti. Fu autore di una grande opera sulla storia contemporanea spoletina, il meraviglioso e quasi autobiografico ‘M’arcord’. Da ricordare anche le sue incursione nel mondo della celluloide: fu controfigura di Mastroianni in ‘Vita privata’ (fra i protagonisti c’era anche Brigitte Bardot); ebbe inoltre piccole parti nei film ‘Nerone’ e ‘Cagliostro’.

Il ricordo del sindaco Cardarelli “Sandro Morichelli è stato una delle personalità più vitali ed eclettiche della città – ha detto il sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli – Il suo ruolo di giornalista lo ha portato sempre al centro non solo del dibattito culturale ma anche di quello sociale, come dimostrano le tante battaglie civili, anche recentissime, che lo hanno visto protagonista, vivendo la sua professione con una cifra etica chiara e con onestà intellettuale indubitabile. È stato capace di raccontare con grande passione, generosità e affetto tanto i grandi personaggi e gli eventi importanti che hanno fatto la storia recente della città, come anche le vicende più minute e quotidiane che tanta parte hanno avuto nelle sue pagine e che sono sempre state illuminanti per capire gli umori e sentimenti della nostra comunità. Rimarranno nella memoria per vividezza e umanità di racconto le sue cronache degli anni del festival così come i resoconti appassionati delle numerose imprese sportive, seguite sempre con incrollabile passione. Ci mancherà il suo entusiasmo contagioso, il suo attaccamento alla vita, l’amore per la sua città e per i suoi concittadini. Alla sua famiglia giungano le più sentite condoglianze, mie personali, dell’amministrazione e di tutta la città”. Da parte della redazione de lanotiziaquotidiana.it, le più sentite condoglianze alla famiglia Morichelli.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere