CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Spese pazze in Consiglio regionale, inviati avvisi ai socialisti Buconi e Rometti

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Extra Città

Spese pazze in Consiglio regionale, inviati avvisi ai socialisti Buconi e Rometti

Redazione politica
Condividi

L'aula del consiglio regionale

PERUGIA – L’inchiesta sulle spese pazze dei gruppi consiliari a Palazzo Cesaroni promette nuovi scenari. Dopo i casi relativi agli ex consiglieri del Popolo della Libertà, Fiammetta Modena e Franco Zaffini, e dell’allora capogruppo di ‘Per l’Umbria-Marini presidente’, Roberto Carpinelli, a finire sotto la lente della magistratura sono finiti i socialisti Massimo Buconi e Silvano Rometti, il primo fu a capo del gruppo del Psi nella consiliatura 2010-2015, mentre il secondo – che ancora siede sui banchi del Consiglio regionale – allora rivestiva l’incarico di assessore ai Trasporti.

Nei giorni scorsi, come è stato riportato nell’edizione cartacea de Il Messaggero, la Procura perugina ha inviato ai due politici l’avviso di conclusione delle indagini. L’ipotesi di reato che viene mossa a Buconi e Rometti è quella di peculato. Nel dettaglio, nel triennio che va dal 2010 al 2012, le contestazioni ammonterebbero a 10mila euro per Rometti, mentre quelle relative a Buconi si aggirerebbero intorno ai 20mila.

Prossimo