CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Spello, la coscienza di Antonio Ligabue in ‘Un bès’ di Mario Perrotta

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Foligno Spoleto Città

Spello, la coscienza di Antonio Ligabue in ‘Un bès’ di Mario Perrotta

Redazione cultura
Condividi

foto di Luigi Burroni

SIPARIO UMBRIA – Nuovo appuntamento con la stagione di prosa curata da Fontemaggiore al teatro Subasio di Spello il prossimo 9 febbraio alle ore 21.15. Ad andare in scena sarà Un bès di e con Mario Perrotta, collaborazione alla regia Paola Roscioli, collaborazione alla ricerca Riccardo Paterlini. Lo spettacolo, dedicato alla struggente parabola umana di Antonio Ligabue, ha vinto vari premi, tra cui il Premio UBU 2013 per Miglior attore protagonista andato a Perrotta, a Mario Perrotta come Miglior attore protagonista, Premio HYSTRIO-TWISTER 2014 come miglior spettacolo dell’anno a giudizio del pubblico, Premio UBU 2015 come miglior progetto artistico e organizzativo per l’intero Progetto Ligabue, Premio della critica/associazione Nazionale Critici di Teatro 2015 per l’intero Progetto Ligabue.

“Provo a chiudere gli occhi e immagino: io, così come sono, con i miei 40 passati, con la mia vita, ma senza un bacio. Neanche uno. Mai. E allora mi vedo scendere per strada a elemosinarlo quel bacio, da chiunque, purché accada”.

“Ecco – spiega Mario Perrotta – questo m’interessa oggi di Antonio Ligabue: la sua solitudine, il suo stare al margine, anzi, oltre il margine, là dove un bacio è un sogno, un implorare senza risposte che dura da tutta una vita. Voglio avere a che fare con l’uomo Antonio Ligabue, con il Toni, lo scemo del paese. Mi attrae e mi spiazza la coscienza che aveva di essere un rifiuto dell’umanità e, al contempo, un artista, perché questo doppio sentire gli lacerava l’anima: l’artista sapeva di meritarlo un bacio, ma il pazzo, intanto, lo elemosinava. Voglio stare anch’io sul confine e guardare gli altri. E, sempre sul confine, chiedermi qual è dentro e qual è fuori”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere