CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foligno, aggredisce i genitori che non gli danno i soldi per la droga: arrestato

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Città

Foligno, aggredisce i genitori che non gli danno i soldi per la droga: arrestato

Redazione
Condividi

Un posto di blocco dei carabinieri

FOLIGNO– Per anni ha minacciato e aggredito i propri genitori, generando  in loro uno stato continuo di sofferenza psicofisica, con effetti di sconforto, prostrazione e avvilimento, oltre che un perdurante stato di ansia e di paura ed il timore per la loro l’incolumità fisica. Con l’arresto del figlio 37enne, per i due genitori l’incubo è finito. L’uomo è stato arrestato dai militari della stazione di Spello per i reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni personali aggravate. Il provvedimento è stato eseguito in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari di Spoleto su richiesta della procura a conclusione delle indagini svolte dall’Arma.

I fatti L’uomo, nullafacente, assuntore di sostanze stupefacenti da oltre quindici anni, per acquistare la droga effettuava continue e sempre più ricorrenti richieste di denaro al padre e alla madre, diventando aggressivo e minaccioso in caso di mancato accoglimento delle sue pretese. In diversi episodi era arrivato a minacciarli di morte anche con l’uso di coltelli, finanche a cagionare lesioni alla mamma, per le quali la donna aveva fatto ricorso alle cure ospedaliere. I fatti avevano reso la convivenza particolarmente dolorosa, ingenerando nei familiari un grave e perdurante stato d’ansia e paura che li aveva portati ad alterare le proprie abitudini di vita e ad adottare, loro malgrado, misure di tutela quale il trasferimento presso l’abitazione dei nonni dell’altro figlio.

In carcere Le denunce dei genitori avevano portato all’emissione delle misure di prevenzione nei confronti del 37enne, ma tali provvedimenti non avevano fatto desistere l’uomo dal continuare a tenere condotte violente nei confronti dei familiari, portando quindi il pubblico ministero, concorde con le risultanze investigative dei carabinieri di Spello, a richiedere al gip di Spoleto la misura cautelare in carcere. Il 37enne è attualmente rinchiuso nella casa di reclusione Spoleto in regime di custodia cautelare e dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni aggravate.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere