CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Spaccio ed estorsione: ternano in manette, era il mandante di altri arrestati

Cronaca e Attualità Terni

Spaccio ed estorsione: ternano in manette, era il mandante di altri arrestati

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – Un arresto che chiude idealmente il cerchio su una indagine cominciata lo scorso marzo e che conferma un giro criminale cittadino sul fronte dello spaccio di stupefacenti ma anche dell’estorsione che vede protagonisti soggetti già noti alle forze dell’ordine.

Come il ternano di 33 anni – con numerosissimi precedenti specifici – che ieri pomeriggio è finito in manette al termine di una azione della squadra mobile di Terni, coordinata da Alfredo Luzi, alla quel hanno preso parte anche le unità cinofile antidroga della Guardia di Finanza di Perugia. Sull’uomo, rintracciato in centro, gravava una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Terni Simona Tordelli su richiesta del pubblico ministero Elisabetta Massini per spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione

sequestro-mobile-terniLa vicenda.  Il ternano era stato visto avvicinare più volte assuntori di sostanze stupefacenti: fra loro anche alcuni operai dell’Ast che ricevevano la sostanza all’esterno della struttura. L’uomo è risultato poi essere il mandante dei due concittadini arrestati lo scorso 3 marzo per estorsione a mano armata (con un coltello) ai danni di un artigiano al quale avevano chiesto il ‘pizzo’. Fra loro c’era anche un noto pugile ternano professionista, che si trova attualmente ancora recluso nel carcere di vocabolo Sabbione

Perquisizioni. Sono state otto in totale le perquisizioni domiciliari effettuate nella giornata di ieri (fra le 15 e le 22) in diverse zone periferiche della città: queste hanno coinvolto anche familiari dell’arrestato. In particolare bene occultate nel cassetto della camera da letto di un parente, sono state ritrovate due pistole calibro 635 di vecchissima fattura (fabbricate nel 1919)  ben tenute. Inoltre, sono state trovate anche cartucce e munizionamenti (non compatibili con le pistole sequestrate), un coltello, sostanze da taglio (mannite e bicarbonato), 8 bilance di precisione,  un maxi scooter ed una bicicletta elettrica provento di furto. Queste perquisizioni hanno portato alla denuncia a piede libero per reati che vanno dalla ricettazione, allo spaccio di stupefacenti, alla detenzione di armi comuni, di altre cinque persone: quattro ternani parenti dell’uomo arrestato ed un cittadino albanese.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere