CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Sisma, studenti nursini da Conte: “Ridateci la scuola”. Ritardi anche su casa di riposo e ospedale

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto

Sisma, studenti nursini da Conte: “Ridateci la scuola”. Ritardi anche su casa di riposo e ospedale

Redazione
Condividi
Il premier Conte con gli studenti
Il premier Conte con gli studenti

NORCIA – La denuncia era arrivata pochi giorni fa in una nota del Comitato Rinascita Norcia che denunciava l’avvio del nuovo anno scolastico di nuovo nei container per 200 studenti dell’istituto comprensivo Battaglia. Un nuovo ‘trasloco provvisorio’ per loro, il quarto. Per questo lunedì sono andati  tutti a Roma, per incontrare il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Obiettivo: chiedere che il blocco dei lavori per i nuovi moduli (anche loro provvisori, il progetto della nuova scuola è ancora lontano) trovi una soluzione: dovevano essere pronti a dicembre, poi a febbraio. Probabilmente bisognerà riaffidare i lavori a un’altra ditta e dunque è probabile che qualche studente arrivi addirittura alla maturità da terremotato. Nuovo incontro dunque per loro, col presidente del Consiglio, accompagnati dalla presidente Rosella Tonti.

Il premier Dal canto suo il premier Giuseppe Conte rivolgendosi a studenti e insegnanti ha annunciato che nelle prossime ore ci sarà un sopralluogo da parte delle autorità locali competenti, e ci sarà anche il capo della protezione civile, Borrelli. “Ho chiesto loro di effettuare un sopralluogo – ha dichiarato Conte – per verificare bene la situazione, perché il termine di consegna del 12 febbraio allo stato mi sembra assolutamente difficile e improbabile da rispettare. Bisogna lavorare per avere la scuola quanto prima. Ce la metteremo tutta, io ci sono. Cercheremo di fare il massimo. Purtroppo abbiamo un sistema con tanti lacci e lacciuoli, però faremo il massimo. Vi verrò a trovare”.

Ritardi Ma la situazione è dura anche su molto altro. Nella nota, inviata al sindaco Alemanno e alla presidente della Regione Tesei  il comitato denuncia tutti i ritardi di una ricostruzione che non parte e chiede ufficialmente un incontro: “Denunciamo – scrivono –  il vergognoso ritardo nell’inizio dei lavori per restituire alla cittadinanza un idoneo servizio sanitario, assistenziale ed adeguate strutture scolastiche, ci porta a considerare che nel nostro territorio attualmente non siano più garantiti i diritti costituzionali previsti negli articoli 26 e 32,  il diritto all’istruzione e quello alla salute. Inoltre riteniamo giuste le preoccupazioni esternate recentemente dalla dirigente scolastica di Norcia in merito alla lentezza dei lavori per la realizzazione della nuova struttura, sempre provvisoria. Concordi anche con il Comitato pro Basilica Identica, con il quale condividiamo ampiamente l’azione civica a sostegno dell’accelerazione della Ricostruzione, appoggeremo le forme di protesta che saranno intraprese”.

Interventi. Conte ha annunciato un sopralluogo insieme al capo della Protezione Civile Borrelli: “Dobbiamo verificare bene la situazione, perché il termine di consegna del 12 febbraio allo stato mi sembra assolutamente difficile e improbabile da rispettare. Bisogna lavorare per avere la scuola quanto prima. Ce la metteremo tutta, io ci sono. Cercheremo di fare il massimo. Purtroppo abbiamo un sistema con tanti lacci e lacciuoli, però faremo il massimo. Vi verrò a trovare”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere