CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, professionisti puntano i dito: “Vincoli e normative ostacoli alla ricostruzione”

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto

Sisma, professionisti puntano i dito: “Vincoli e normative ostacoli alla ricostruzione”

Redazione
Condividi
La seconda commissione a Norcai
La seconda commissione a Norcai

NORCIA – Più personale per gli uffici e una semplificazione normativa che “consenta di mettere in moto una ricostruzione finora legata da vincoli e normative che finiscono per essere il primo e più grande ostacolo” sono stati chiesti da sindaci e professionisti dell’area del terremoto del 2016 nel corso delle audizioni svolte martedì mattina a Norcia dalla seconda Commissione del consiglio regionale, presieduta da Valerio Mancini. Iniziativa che ha l’obiettivo di fare il punto sulla ricostruzione. Secondo i partecipanti “deve essere snellita fortemente la fase della rendicontazione per non rimanere indietro, come è attualmente, con i pagamenti”. Da affrontare anche – è stato detto – il problema dello smaltimento delle macerie. Chiesto poi “un tavolo permanente che possa farsi carico delle molteplici criticità della ricostruzione”.

Bianconi “Le tante istanze che stiamo raccogliendo oggi entreranno nel ‘Dossier Sisma 2016’ che stiamo scrivendo e che sarà alla base dei lavori che proporrò di sviluppare alla Seconda Commissione, alla Regione, al Governo e all’Unione europea” ha dichiarato il consigliere regionale Vincenzo Bianconi (Gruppo Misto) al termine della mattinata di lavori, ribadendo che “il principale problema  è quello della burocrazia elefantiaca, normative spesso illogiche, la cronica carenza di personale e, quando c’è, non è stabilizzato e si perde dopo un anno provocando il disastro operativo che stiamo vivendo. La Regione – ha sottolineato Bianconi – potrebbe con propri fondi assumere dieci nuovi istruttori, che gli costerebbero circa 35mila euro l’anno ciascuno, e ognuno potrebbe attivare ogni anno pratiche per lavori per circa 40 milioni di euro, che, oltre a cambiare la vita di molti umbri nel cratere, contribuirebbe a rilanciare il Pil regionale in crisi da 15 anni”.

Nicchi “Come Regione ci impegneremo al massimo affinché i fondi possano essere utilizzati al meglio e nel minor tempo possibile”, ha affermato il consigliere regionale Daniele Nicchi (Lega), in merito ai fondi post-sisma 2016, dopo la riunione della seconda commissione.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere