CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, il premier Gentiloni inaugura la mostra mercato del tartufo e lancia un appello agli italiani: “Venite a Norcia”

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Città

Sisma, il premier Gentiloni inaugura la mostra mercato del tartufo e lancia un appello agli italiani: “Venite a Norcia”

Redazione
Condividi

Il premier Gentiloni inaugura la Mostra del tartufo di Norcia

NORCIA – Si è svolta oggi pomeriggio la seconda visita del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni nella città di San Benedetto. Il capo del Governo, ritorna a Norcia a 6 mesi dalla prima, drammatica scossa che ha sconvolto gran parte dell’Italia Centrale. Due i luoghi principali – che testimoniano la grande voglia di rialzarsi di questa terra – toccati dal premier venerdì: la frazione di San Pellegrino e la mostra mercato del tartufo.

Sopralluogo del premier Gentiloni nell'area che ospita le casette di San Pellegrino

Sopralluogo del premier Gentiloni nell’area che ospita le casette di San Pellegrino

A San Pellegrino L’arrivo del premier ha avuto luogo intorno alle 15. Nel piccolo centro nursino, ha effettuato un sopralluogo nell’area che ospita le 18 soluzioni abitative emergenziali che domenica scorsa sono state consegnate alla popolazione. Ad accompagnare Gentiloni sono stati la presidente della Regione, Catiuscia Marini, il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, e il commissario alla ricostruzione Vasco Errani. “E’ stato fatto un lavoro straordinario – ha detto il numero uno dell’esecutivo – che ci fa essere ottimisti e che ci aiuta ad essere più veloci”. Poi, rispondendo alle domande della stampa sui ritardi denunciati qualche giorno fa dal commissario Errani, ha aggiunto: “E’ vero, le lentezze ci sono, ma vi assicuro che stiamo lavorando tutti ventre a terra”.

Taglio del nastro Un’ora più tardi, verso le 16, il premier è giunto nel centro della città. Durante il breve tour nel cuore cittadino, Gentiloni ha anche avuto modo di entrare all’interno di un negozio che da poco ha ritirato su la saracinesca. Inoltre, il primo ministro, ha avuto piccoli colloqui con Vigili del fuoco e agenti della Polizia municipale, dai quali si è informato sulle condizioni delle strade urbane ed extraurbane. Al termine del tour, Gentiloni si è recato al campo sportivo ‘Europa’ ha tagliato il nastro della 54esima edizione della mostra mercato del tartufo e dei prodotti della Valnerina, fortemente voluta dalle istituzioni e dagli imprenditori locali, al fine di dare dimostrazione a tutto il mondo che il terremoto non ha affatto minato gli animi dei nursini e la loro voglia di andare avanti.

L’appello agli italiani: “Venite a Norcia” E’ un appello a quella che ha definito l’Italia migliore, quello lanciato dal primo ministro durante la cerimonia inaugurale: “Lo dico a tutti gli italiani che hanno a cuore questa terra e la  sua rinascita, venite a Norcia nei prossimi fine settimane, venite alla mostra mercato del tartufo e comprate i prodotti tipici di queste zone”. Il premier ha quindi ribadito l’importante legame fra la Valnerina e le sue eccellenze gastronomiche, un ponte, ha detto, che “può portare a uno sviluppo economico forte”. Dal palco dello stadio ‘Europa’, Gentiloni ha ricordato anche la necessità di un forte lavoro congiunto che veda uniti tutti gli attori politici e amministrativi, visto che questa, ha sottolineato, è l’unica strada che può “restituire la speranza a tutti quei nostri concittadini che hanno dovuto fare i conti con la dura realtà del terremoto”. Infine, il presidente del Consiglio ha portato come esempio di solidarietà il grande gesto di generosità di Bruno Biagini, 76enne di San Pellegrino, che, domenica, ha rinunciato a una casetta di legno per ‘regalarla’ alla ‘nonna’ del paese, la signora Cecilia Amici.  Per la presidente Marini, la presenza di Gentiloni quest’oggi a Norcia “è per tutti noi motivo di orgoglio e uno stimolo per continuare con maggior determinazione in un lavoro di squadra istituzionale che ci ha visto fin qui impegnati”. “Dobbiamo dare atto a Governo e Parlamento – ha aggiunto Marini – che, a sei mesi dalla drammatica scossa di agosto seguita da quelle ancor più potenti del 30 ottobre, disponiamo di risorse, norme, regole per avviare da subito la ricostruzione. 

La presidente Marini su Facebook: “C’è voglia di ripartire” Qui c’è voglia di fare, di ripartire, gente tenace e laboriosa – aveva scritto stamani la presidente della Regione sul proprio profilo Facebook -. Oltre 1000 persone tra dipendenti delle amministrazioni pubbliche, di imprese private e volontari sono ininterrottamente al lavoro nella realizzazione delle opere emergenziali e della ricostruzione. Non ho mai partecipato a polemiche politiche in questi mesi, lavorando speditamente a creare tutte le condizioni positive per la ricostruzione. Forza Valnerina, forza Umbria ce la faremo”.

 

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere