CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, nuovo rinvio a giudizio per il sindaco di Norcia Alemanno

Cronaca e Attualità

Sisma, nuovo rinvio a giudizio per il sindaco di Norcia Alemanno

Redazione
Condividi

Il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno

SPOLETO– Il sindaco di Norcia Nicola Alemanno è stato nuovamente rinviato a giudizio dalla Procura di Spoleto per realizzazione di strutture in zona vincolata e in assenza delle autorizzazioni paesaggistiche. Dopo il centro Boeri e la struttura di Ancarano, stavolta l’oggetto è la casetta della Pro  Loco. Per la procura le tre strutture sono legate dalla stessa questione della violazione dei vincoli. Il gup  (giudice per l’udienza preliminare) del Tribunale di Spoleto Federica Fortunati  ha riconosciuto valido l’impianto della Procura della Repubblica che contesta al Sindaco l’ autorizzazione alla realizzazione in deroga della casetta della Pro Loco senza seguire la procedura ordinari. Alemanno è stato rinviato a giudizio per reati urbanistici, abuso d’ufficio e falso. La prima udienza è stata fissata per luglio

Il primo cittadino nursino inoltre rispondere di falso  per aver classificato l’opera come temporanea mentre, a parere dei magistrati, si tratta di una realizzazione  permanente per via del basamento in cemento che fissa saldamente la struttura al suolo. Con la stessa ordinanza il Gup Federica Fortunati ha rinviato a giudizio per i reati di natura urbanistica altre sette persone: il direttore dei lavori Stefano Bartolini, gli esecutori materiali dei lavori Giuliani Sarti, Alviero Moretti, Maurizio Porzi, Lauro Pascucci e Oirono Onori, oltre al Presidente della Pro Loco Domenico Rossi.

Forza Italia: vicini ad Alemanno. A sostegno di Alemanno si schiera Forza Italia Umbria: “Estremamente rispettosi del lavoro svolto della magistratura, manifestiamo la nostra vicinanza al Sindaco di Norcia Nicola Alemanno che in questo momento, oltre ad affrontare una criticità talmente complessa quale quella della pandemia, si trova
anche a vivere tre diverse vicende giudiziarie legate al suo operato da Sindaco, nella gestione di quella che è stata e purtroppo continua ad essere, un’altra difficilissima
fase, quella dell’emergenza a seguito del terremoto del 2016. È giunta infatti la notizia di un ennesimo rinvio a giudizio per il Sindaco di Norcia, questa volta riferito alla casetta per la pro loco. (…) Ricordiamo, che le strutture oggetto di inchiesta sono state donate da privati, senza il dispendio di risorse pubbliche. Queste strutture avrebbero dovuto essere utilizzate dalla comunità nursina in un momento in cui ogni azione era compiuta nella direzione del sostegno alla tenuta della Comunità contribuiva ad aumentare quella speranza di ritorno alla normalità senza la quale nessuna ricostruzione è possibile. Il Sindaco si è assunto la responsabilità di applicare, in accordo con la Protezione Civile nazionale e regionale, le norme che aveva a disposizione per aiutare la sua gente. Oggi è invece chiamato a rispondere di questo, ma crediamo, con la consapevolezza di aver solo ed esclusivamente adempiuto al suo dovere”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere