CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, Cucinelli e Marini alla Leopolda: “L’Umbria riuscirà a rialzarsi”

Foligno Spoleto Politica Extra EVIDENZA2

Sisma, Cucinelli e Marini alla Leopolda: “L’Umbria riuscirà a rialzarsi”

Redazione politica
Condividi

Brunello Cucinelli sul palco della Leopolda

FIRENZE – Un applauso per le popolazioni delle Regioni del Centro Italia colpite dal terremoto ha aperto la settima edizione della Leopolda. Gli interventi di questa sera dal palco sono dedicati alla ricostruzione dopo il terremoto, la prevenzione e il contrasto del dissesto idrogeologico. E’ intervenuta anche la presidente dell’Umbria Catiuscia Marini: “Dobbiamo credere nella scommessa del governo” su Casa Italia, con cui “per la prima volta ci occupiamo anche della difesa” e della prevenzione. “Ora non dobbiamo solo ricostruire. Certo, dobbiamo dare alla nostra gente certezze che torneranno nelle loro case e ricostruire i monumenti. Ma bisogna anche fare prevenzione. Per la prima volta non ci occupiamo solo dell’emergenza ma anche della difesa, abbiamo competenze scientifiche e tecnologiche per farlo”, ha sottolineato.

LEGGI ANCHE: MARINI AI PARLAMENTARI UMBRI: “50 COMUNI DANNEGGIATI”

LEGGI ANCHE: IL MINISTRO MARTINA: “11 MILIONI PER GLI ALLEVATORI”

Sempre alla convention, è intervenuto anche l’imprenditore Brunello Cucinelli, che oltre a  ribadire quanto già affermato nelle immediate ore dopo la scossa del 30 ottobre, e cioè la volontà di voler contribuire fattivamente alla ricostruzione della basilica di San Benedetto, ha fatto sapere che in giro per il mondo ci sono molti imprenditori pronti ad “adottare” un monumento della città “Qui a Firenze ieri c’erano gli Angeli del fango: perché noi non potremmo fare gli Angeli della pietra, e immaginare che a primavera vengano giovani nelle nostre cittadelle da tutte le parti del mondo?”. Queste le parole dell’imprenditore umbro sul palco della kermesse fiorentina. “Noi terremo conferenze – ha aggiunto – loro ci aiuteranno a migliorare e ricostruire le nostre bellissime città. Poi ricostruiremo le chiese, ascoltando il genius loci”. “In questi giorni – ha detto emozionato il re del cachemire – abbiamo avuto da tutto il mondo telefonate da aziende importantissime che vogliono prendersi cura di un monumento della nostra città”, e ha invitato premier Renzi a “far arrivare nei paesi colpiti una marea di gru infinite, perché se i nostri abitanti stanno nei container, e vedono le case ricostruirsi, non perdono la speranza”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere