CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, dalla Regione doppia ‘cabina di regia’ per il rilancio del turismo

Perugia Cronaca e Attualità Terni Alta Umbria Assisi Foligno Spoleto Marsciano Todi Deruta Narni Orvieto Amelia Trasimeno Città

Sisma, dalla Regione doppia ‘cabina di regia’ per il rilancio del turismo

Redazione
Condividi

Un momento della riunione

PERUGIA – Condividere le azioni da intraprendere per assicurare la ripresa del turismo in Umbria, ristabilendo una corretta informazione sulla situazione reale di un territorio colpito dal terremoto solo in una parte limitata e circoscritta. Con questa finalità, stamattina, nella sede regionale del Broletto, il vicepresidente della Giunta regionale e assessore al Turismo, Fabio Paparelli, ha insediato il Comitato strategico regionale per il turismo, uno degli strumenti decisionali che la giunta regionale ha istituito per fare ‘sistema’ a seguito degli eventi sismici, e che sarà affiancato da una ‘unità di crisi’ specifica per le problematiche dell’area del ‘cratere’. Del Comitato strategico, insieme al vicepresidente Paparelli, fa parte l’assessore regionale all’Agricoltura, Fernanda Cecchini; vi sono rappresentate tutte le associazioni imprenditoriali e di categoria del mondo del turismo oltre all’Anci, Sviluppumbria e Coni Umbria.

Le parole di Paparelli “Abbiamo predisposto un primo piano di lavoro, con varie azioni e misure, in aggiunta alle campagne in tv in corso in queste settimane e alle iniziative promosse durante le principali fiere in Italia e all’estero. La priorità è quella di far ripartire quanto prima il turismo in quel 90 per cento del territorio regionale che è intatto e pronto ad accogliere i turisti – ha detto il vicepresidente Paparelli – Per questo vogliamo condividerla con tutti gli operatori del settore e i soggetti interessati, raccogliendo indicazioni e proposte, per la migliore efficacia delle attività che potremo svolgere con tempestività utilizzando i finanziamenti nazionali e regionali, integrando le risorse disponibili e rimodulando le misure già attivate alla luce di quanto accaduto a partire dalle scosse del 24 agosto”. Il vicepresidente Paparelli ha tracciato un quadro delle azioni previste e delle risorse, a cominciare da quelle nazionali. “Due milioni di euro – ha spiegato, entrando nel dettaglio – sono messi a disposizione dal Dpcm 189 del 2016 a valere sul bilancio 2017 dell’Enit, l’Ente nazionale per il turismo, per le azioni comuni di promozione e comunicazione post terremoto delle quattro Regioni colpite dal sisma. Di questi, 1 milione di euro per azioni di comunicazione sul mercato italiano, e l’altra metà su alcuni mercati esteri, da definire congiuntamente, con particolare attenzione ai mercati europei, oltre che campagne mirate. L’Umbria – ha rilevato – si farà promotrice di richiedere un incontro congiunto ad Enit per coordinare queste azioni con gli altri interventi in corso”.

Azioni Quanto alle azioni autonome della Regione Umbria, Paparelli ha sottolineato come si stia lavorando alla rimodulazione della programmazione dei fondi comunitari in modo da indirizzare risorse a sostegno dei settori del commercio e dell’artigianato, soffermandosi poi sui bandi specifici per il settore del turismo. “È già stato pubblicato il bando, con una dotazione di 200mila euro – ha precisato – destinato ai Consorzi di operatori turistici per la definizione della strategia complessiva di comunicazione post terremoto, realizzazione di campagne social, azioni di promozione mirate, interventi per il sostegno alla commercializzazione. Investiremo nel 2017 circa 1 milione e mezzo di euro di cui almeno 800mila euro, con la possibilità di risorse aggiuntive, per le campagne di comunicazione: per il Natale – ha proseguito – sono già previsti alcuni interventi per concentrarsi poi soprattutto sul periodo prima di Pasqua e dell’estate. Vorremmo avvalerci di testimonial importanti, così come di esperti in grado di definire la migliore formula per promuovere la nostra regione dopo il terremoto”.  Il vicepresidente Paparelli ha reso noto, inoltre, l’imminente pubblicazione del bando “Charme” per la qualificazione delle strutture 4 e 5 stelle e le residenze d’epoca “con una dotazione, al momenti di 2,6 milioni di euro, che abbiamo rivisto migliorando le agevolazioni per le imprese dei comuni del ‘cratere’. A questo – ha detto ancora – si aggiungeranno nel 2017 altri due bandi, “Family” e “Wedding” per la crescita del turismo legato nel primo caso all’accoglienza dei gruppi e nel secondo per la realizzazione direttamente da parte delle imprese del nuovo prodotto studiato per promuovere l’Umbria come destinazione ideale per matrimoni”. “Il 2017 – ha affermato – sarà un anno in cui, dopo la dura esperienza del terremoto, ci metteremo al lavoro insieme ad esperti di caratura internazionale per elaborare un nuovo Piano strategico che riposizioni l’Umbria sui mercati, con strumenti più innovativi degli attuali. Pensiamo alla realizzazione di un Masterplan, da cui risultino analisi, azioni, strumenti per agire.  Stiamo già facendo approfondimenti per modificare e integrare gli strumenti di supporto alla programmazione mediante nuove modalità di raccolta dei dati sui flussi, in modo da facilitare l’orientamento degli investimenti e la definizione dei prodotti turistici. Questo sarà determinante, in prospettiva, per ricostruire uno specifico prodotto turistico per la Valnerina”.

Le parole di Cecchini “La costituzione del Comitato rappresenta un segnale importante – ha rilevato l’assessore Cecchini – della volontà di fare squadra e operare sinergicamente per comunicare l’immagine di un’Umbria che è sì ferita in parte del suo territorio, ma sa e vuole ripartire. A questo scopo sarà determinante anche l’attività che potranno esprimere i Gal, i Gruppi di azione locale, per lo sviluppo di tutto il territorio, chiamati a finalizzare le risorse dedicate del programma di sviluppo rurale, oltre 48 milioni di euro in sette anni, in progetti mirati e coordinati”. Da parte di tutti gli intervenuti è emersa la necessità, più di prima, di comunicare nella maniera più efficace l’immagine di un’Umbria intatta e di essere presenti alle principali Fiere e iniziative promozionali per illustrare la situazione reale della regione e le sue offerte, con proposte innovative, affinché sia diffuso in maniera più ampia possibile il messaggio che l’Umbria è pronta ad accogliere i turisti, con le istituzioni chiamate a fare da garanti.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere