CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, Renzi a Preci: “Ricostruiremo tutto”, entro venerdì il decreto

EVIDENZA Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra Città

Sisma, Renzi a Preci: “Ricostruiremo tutto”, entro venerdì il decreto

Redazione politica
Condividi

Matteo Renzi in visita privata, ieri, a Preci

PERUGIA – Visita a sopresa nel pomeriggio del 1° novembre del presidente del Consiglio Matteo Renzi nelle zone umbre colpite dal sisma. Il primo ministro si è recato per una visita in forma privata a Preci il comune umbro insieme a Norcia e Cascia colpito gravemente dalle scosse del 26 e 30 ottobre -, dove insieme alla moglie Agnese ha partecipato alla funzione religiosa presieduta dall’arcivescovo di Spoleto-Norcia Renato Boccardo in occasione della festa di Ognissanti. Ad attenderlo, oltre al presule, la presidente della Regione Catiuscia Marini, il sindaco della cittadina Pietro Bellini, il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, e il commissario straordinario Vasco Errani. Presenti anche il prefetto di Perugia, Cannizzaro, e il questore del capoluogo umbro, Messina. “Ricostruiremo tutto com’era e dov’era”, ha detto il premier. “Tutta l’Italia deve stare vicina a questi luoghi – ha aggiunto Renzi al termine della funzione – servono energia e decisione, la sfida è tutt’altro che facile”. “La prima emergenza è quella psicologica, c’è una vera emergenza ma ce la faremo. Ci sono tante preoccupazioni: la prima è  quella della casa, della lontananza. E’ fisiologico che ci siano queste preoccupazioni”, ha aggiunto il premier riferendosi alla volontà di alcuni di non lasciare i propri comuni di residenza. “San Benedetto non è più solo il patrono – ha concluso il capo del governo-, ma il simbolo dell’Europa”. Poco prima dell’inzio e al termine della celebrazione, Renzi si è intrattenuto con alcuni cittadini, visitando anche il centro Caritas di Preci, uno dei luoghi adibiti al ricovero di persone che hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni. “A Preci in questa terra colpita ma non piegata con gli abitanti, molti sfollati, da Viola che ha 2 mesi fino a Emilia che ha 103 anni. Ricostruiremo tutto, tutti insieme. Ci vorrà tempo e tenacia, ma lo faremo. Noi siamo l’Italia”, ha scritto su Facebook il presidente del Consiglio a margine della sua visita.

Il decreto  Matteo Renzi ha annunciato: ”Tra giovedì e venerdì ci sarà il decreto legge”. “Venerdì il Consiglio dei Ministri approverà un altro Decreto Legge che snellirà ulteriormente i tempi, le procedure, la burocrazia. I soldi ci sono, la volontà anche. Ricostruiremo tutto. A cominciare dalla Chiesa di San Benedetto, patrono d’Europa”. Lo scrive nella sue Enews, il presidente Matteo Renzi. In merito alla ricostruzione il premier ha detto che “Non sarà una sfida facile, non sarà una sfida breve. Ma abbiamo messo in campo una struttura che ci farà superare ogni difficoltà e ricostruire tutto com’era. Ci vorrà del tempo, ci vorrà tanta fatica. Ma l’Italia è più forte della fatica. Ed è più forte anche del tempo. Noi ricostruiremo tutto. Se dopo un terremoto 6.5 a distanza di qualche ora siamo a riflettere sui moduli abitativi, sul come riaprire le stalle, sul come garantire la permanenza in loco di chi vuole restare anche nelle prossime settimane in attesa delle casette di legno significa che nel disastro è accaduto un mezzo miracolo. E che la macchina dell’emergenza ha funzionato una volta di più. Grazie a tutti quelli che si stanno prodigando: siete motivo di orgoglio per il nostro Paese”. “Domani, giovedì, sarò inoltre al Politecnico di Milano per discutere con il prof. Giovanni Azzone, responsabile del progetto Casa Italia. Come del resto stiamo facendo in tutte le università (qui a Padova, venerdì scorso, abbiamo toccato anche questo argomento). Se per anni – ha concluso – si è pensato solo all’emergenza, stavolta no. Un progetto lungo due generazioni che lascerà ai nostri figli un territorio più curato, come ha spiegato Renzo Piano in Senato”.

Oggi arriva Mattarella Nel pomeriggio nelle zone terremotate è previsto l’arrivo del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha anticipato il suo ritorno dalla visita di stato in Israele. Il Capo dello Stato è atteso a Norcia Camerino, poi si recherà anche sul Trasimeno.