CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, Juncker scrive al vescovo Boccardo: “Ricostruzione basilica atto doveroso”

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Città

Sisma, Juncker scrive al vescovo Boccardo: “Ricostruzione basilica atto doveroso”

Redazione
Condividi

Jean- Claude Juncker

SPOLETO – Nei giorni scorsi l’arcivescovo di Spoleto-Norcia monsignor Renato Boccardo aveva scritto al presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker per ringraziarlo dell’impegno manifestato a nome della Commissione per la ricostruzione della Basilica di San Benedetto in Norcia. La risposta di Junker è arrivata a monsignor Boccardo martedì 21 marzo giorno della festa di San Benedetto; il presule l’ha visionata nel primo pomeriggio, non appena tornato in Episcopio da Norcia dove ha presieduto la Messa in onore del Santo Patrono d’Europa: una felice coincidenza.

Le parole del presidente della Commissione Scrive Junker nella missiva: “Sono profondamente convinto che la ricostruzione della Basilica di San Benedetto sia non solo un segno doveroso di solidarietà da parte dell’Unione nei confronti della comunità di Norcia e dell’intera Umbria ma anche un’azione emblematica della necessità di ricostruire il patrimonio culturale, sociale e storico del territorio come premessa per la piena ripresa della attività economica nelle zone colpite dal terremoto. Vorrei quindi confermarle che seguo da vicino i progressi relativi alla ricostruzione della Basilica di S. Benedetto e al contributo della Unione Europea a questo progetto. “La ricostruzione della Basilica – continua il presidente della Commissione – è solo una parte del contributo dell’Unione quale risposta al terremoto che ha colpito a più riprese l’Italia centrale dal 24 agosto 2016. Infine Juncker ha ringraziato l’arcivescovo per l’invito a visitare Norcia: “Sarò lieto di recarmi nella sua città una volta che i lavori di ricostruzione siano avviati, in modo da verificare insieme come la solidarietà concreta tra i popoli dell’Unione europea può lasciare un segno tangibile nella vita delle nostre comunità”.