CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, il ‘no’ del sindaco di Spoleto al ‘decreto terremoto’: “Profondamente insoddisfatto”

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Città

Sisma, il ‘no’ del sindaco di Spoleto al ‘decreto terremoto’: “Profondamente insoddisfatto”

Redazione
Condividi

Il sindaco di Spoleto, Fabrizio Cardarelli

SPOLETO – “Siamo profondamente insoddisfatti del testo del Decreto Sisma Ter approvato dalla Camera in sede di conversione. Sono stati respinti tutti gli emendamenti provenienti dall’Anci, sollecitati dagli enti locali, per sostenere i Comuni del cratere per quanto riguarda i vincoli di finanza pubblica: modifiche e integrazioni indispensabili affinché i sindaci possano svolgere quel ruolo attivo che, pure, il decreto per altri versi dichiara di voler stimolare”. Sono le parole del sindaco di Spoleto, Fabrizio Cardarelli che, in un comunicato congiunto insieme ai sindaci di Ascoli Piceno, Guido Castelli, Teramo, Maurizio Brucchi, e Macerata, Romano Carancini, ha manifestato tutta la propria insoddisfazione rispetto ai contenuti del Decreto Terremoto approvato la scorsa settimana dalla Camera dei Deputati, ritornato ora al Senato e che deve essere convertito in legge fra pochi giorni.

Deroga parere di bilancio “I Comuni – scrivono i quattro sindaci – possono e devono essere gli agenti pubblici protagonisti del complesso processo di ricostruzione e, dopo tante incertezze, le autorità nazionali sembrano aver finalmente accettato questo elementare principio. Ciò potrà accadere, tuttavia, solo se Comuni del cratere verranno preservati dai rischi di un dissesto finanziario causato dalle implicazioni finanziarie del sisma. Avevamo chiesto al Governo e alla Camera che fosse garantito ai Comuni del cratere la deroga all’obbligo del parere di bilancio (ex Patto di Stabilità)  per il triennio 2017-2019”.

No utilizzo soldi donazioni “Intervento – hanno aggiunto i primi cittadini -assolutamente necessario che, dove non introdotto, potrebbe determinare effetti paradossali, come l’impossibilità tecnica per i sindaci di spendere i soldi ricevuti per effetto di donazioni. Avevamo anche evidenziato l’esigenza non negoziabile di prevedere, anche per il 2017, un realistico effetto compensativo a fronte dello slittamento rateale del pagamento dei tributi comunali dell’anno in corso. Senza queste elementari integrazioni normative, i Comuni soffriranno enormi problemi in termini di equilibri di cassa anche alla luce della necessità di anticipare risorse per il pagamento degli interventi in somma urgenza susseguitisi negli ultimi mesi. Infine avevamo richiesto specifici interventi normativi che prevedessero il ristoro integrale, o quantomeno parametrizzato, anche del minor gettito della tassa rifiuti.”

Appello all’Anci “Ad oggi è previsto – si legge ancora nella nota -, senza che siano noti tempi e modalità, il ristoro del mancato gettito Imu per gli immobili inagibili. Stesso meccanismo dovrebbe essere previsto per la Tari, perché i contratti di raccolta e smaltimento dei rifiuti non subiscono riduzioni nella prestazione del servizio proporzionale rispetto a quanto, per effetto delle ordinanze di sgombro, i contribuenti chiedono la cancellazione del tributo. A fronte di queste richieste la Camera ha preferito far finta di niente. La palla adesso passa al Senato – hanno concluso i quattro sindaci – che deve scegliere se devastare la capacità operativa dei Comuni e territori vittime della più grave crisi sismica che l’Italia abbia mai ricordato dal 1703 a oggi, oppure consentirci di aiutare la nostra gente. Chiederemo al presidente dell’Anci De Caro di sostenere con determinazione questa nostra battaglia, che è la battaglia di tutti. Se qualcuno vuole davvero aiutare le popolazioni colpite dal sisma, è ora di dimostrarlo.”

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere