venerdì 28 Gennaio 2022 - 23:54
6 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Sisma, Errani ai sindaci: “Scosse non ci piegheranno, ripartiamo dalle comunità”

Il commissario straordinario per la ricostruzione e la presidente Marini hanno incontrato i primi cittadini delle zone colpite: "Il decreto permetterà la ricostruzione, ma è fondamentale non farsi sopraffare"

NORCIA – IL Commissario per la ricostruzione Vasco Errani è tornato in Umbria, per la precisione a Norcia  dopo il sisma. Una summit del vertice con la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini e i sindaci della zona per la fare il punto della situazione relativamente ai danni: “Alla comunità dico che l’unico modo per affrontare lo sciame sismico, questo dramma che stiamo vivendo, è darsi una grande spinta di reazione – ha detto – Costruirne una comunitaria, insieme, dandosi una mano. Il cuore della ricostruzione non sono le risorse che pure il Governo ha messo a disposizione ma è un’idea di comunità e di solidarieta. Non ci dobbiamo far piegare nemmeno da queste scosse”.

Errani Norcia
Il vertice a Norcia

Il Decreto di prossima attuazione, ha spiegato Errani, servirà per far ripartire le zone: “Tuttavia – ha aggiunto – queste nuove terribili scosse che producono, come pienamente comprensibile, grande preoccupazione e paura tra la popolazione ci mettono nelle condizioni di dovere rifare tante schede per la verifica delle condizioni delle abitazioni, tutte le verifiche nelle scuole. Un lavoro che avevamo fatto in questi due mesi e in molte zone dobbiamo riprendere. In più abbiamo situazioni nuove come a Preci che era stata sì colpita dal terremoto del 24 agosto ma ora ha subito un colpo pesante così come Norcia e due frazioni”.

Il commissario per la ricostruzione ha quindi evidenziato come sia “chiaro che la stagione alle porte non consente di pensare alle tendopoli”. “Adesso c’è la gestione dell’emergenza – ha proseguito – nelle strutture messe a disposizione dai Comuni. Poi dovremo lavorare per fare un confronto con i cittadini e valorizzare il tema del contributo per l’autonoma sistemazione e la collocazione alberghiera nelle strutture sicure che sono a disposizione. Nel frattempo continuare nel lavoro già fatto sulle casette prima di queste ultime due scosse. Poi impostare e realizzare il lavoro per altre. E’ infatti chiaro che il terremoto di ieri ci pone problemi nuovi che dobbiamo assolutamente affrontare. So benissimo – ha sottolineato Errani  facendo riferimento a quanto accaduto anni fa nella sua Emilia Romagna- cosa è un terremoto e quanto sia profonda l’inquietudine che produce. E so che è difficile elaborare questa paura. tuttavia dico alla comunità che l’unico modo per affrontare lo sciame sismico è darsi una grande spinta di reazione”.

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi