giovedì 2 Dicembre 2021 - 04:41
10.2 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Sisma, tre scosse di media entità con epicentro Norcia

Due scosse di magnitudo 3.9 e un'altra del 3.7 sono state registrate tra le 16.40 e le 16.45 del 15 settembre. Paura tra la popolazione e nuovi crolli a San Pellegrino

NORCIA – Non trova per nulla pace l’area interessata dal sisma del 24 agosto. Nel pomeriggio del 15 settembre, tre scosse di media entità, che si sono susseguite nel giro di due minuti (una del 3.9 alle 16.40, un’altra del 3.7 alle 16.43 e un’altra ancora del 3.9 alle 16.44), hanno avuto epicentro nel Comune di Norcia, più precisamente nei pressi della località Grotti, a circa 3 km dal capoluogo. I sismi sono stati nitidamente sentiti in Umbria, nelle Marche e nell’Alto Lazio.

Vengono segnalati nuovi crolli a San Pellegrino, la frazione più colpita, dove intanto si sta cercando di ritrovare una parvenza di normalità. Tanta paura tra la popolazione con la gente che è scesa in strada di nuovo e i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile sull’allerta.

Vigili del Fuoco al lavoro A fronte del sisma del 24 agosto, i Vigili del Fuoco hanno compiuto 2.150 interventi di cui 1.911 nella zona della Valnerina, soprattutto per rimuovere parti pericolanti, assistenza alla popolazione, recupero beni di prima necessità dagli edifici danneggiati. Inoltre sono stati avviati  interventi per la riduzione  della criticità sismica e della riduzione delle zone inaccessibili ( le cosiddette zone rosse). In  particolare a Castelluccio di Norcia,  d’intesa con il Ministero dei Beni Culturali e previo assenso della Dicomac, i Vigili del Fuoco sono all’opera per la salvaguardia del locale campanile e per la protezione di alcuni percorsi viari, in modo da  garantire l’accesso ad alcune strutture ricettive destinate ad ospitare la popolazione precedentemente alloggiata nelle tende.

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

1 commento

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi