CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, dall’Avis di Terni soldi per acquistare lo scuolabus per i bambini di Preci

Cronaca e Attualità Terni Foligno Spoleto

Sisma, dall’Avis di Terni soldi per acquistare lo scuolabus per i bambini di Preci

Redazione
Condividi

PRECI – Le Avis comunali della provincia e Avis provinciale Terni hanno consegnato una donazione in denaro finalizzata all’acquisto di uno “scuola bus” per i bambini delle scuole di Preci. I fondi raccolti sono stati consegnati al sindaco di Preci, Pietro Bellini, che ha sottolineato che con questa donazione sarà acquistato il mezzo che permetterà di poter spostare in sicurezza i bambini, visto che a causa del terremoto si devono utilizzare percorsi alternativi.

“Siamo lieti che questo piccolo dono permetterà agli alunni di frequentare regolarmente le lezioni scolastiche – dice Dino Iannaccio, presidente di Avis provinciale – altrettanto lieti saremmo stati se le donazioni di sangue, nella provincia di Terni, avessero avuto lo stesso lieto fine. Purtroppo non è così, le donazioni sono calate, e non saranno questi ultimi giorni a cambiare la situazione”.

Più volte Avis ha reso noto del trend negativo che interessava la provincia e di conseguenza la Regione Umbria. “Al 30 giugno le donazioni mancanti erano 230, al 30 novembre 212. Un piccolissimo miglioramento dovuto esclusivamente alla positiva chiusura di agosto (+220) dovuta agli eventi sismici che hanno interessato Lazio, Marche e Umbria. La previsione al 31 dicembre è di meno 250 sacche di sangue intero. La donazione anonima, gratuita e periodica non può essere legata alle momentanee emozioni dei cittadini – precisa Iannaccio – ma al senso di solidarietà verso chi, meno fortunato, ha necessità di continue terapie mediche. Il dono periodico del sangue non è un fatto privato o di categoria che interessa una parte della popolazione, ma è l’elemento di valutazione della civiltà e senso civico di una comunità”.

Quest’anno, per garantire la continuità delle terapie mediche nella provincia, sono state acquisite fuori Regione 78 unità di emoderivati. L’appello di Iannaccio è rivolto ai donatori periodici: “Chiediamo loro di fare una donazione prima delle festività Natalizie ed esortiamo ogni cittadino in buona salute a donare il sangue”.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere