CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Sisma, Crimi: “Ora norme più snelle per accellerare la ricostruzione”

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra

Sisma, Crimi: “Ora norme più snelle per accellerare la ricostruzione”

Redazione
Condividi

Un momento dell'incontro in Prefettura

PERUGIA – “L’obiettivo è semplificare le norme esistenti, dobbiamo capire come modificare le leggi per accelerare la ricostruzione”. Queste le parole del sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri, Vito Crimi, lunedì in Prefettura, a Perugia, per un incontro con la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, il prefetto Claudio Sgaraglia, il commissario straordinario alla ricostruzione post sisma, Piero Farabollini, il presidente dell’Anci Umbria, Francesco De Rebotti e il presidente della Cei e arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, cardinale Gualtiero Bassetti.

Patto “Serve – ha aggiunto Crimi – un nuovo patto tra Stato e cittadini. Fino ad ora si sono alzati i muri cercando sempre di bloccare gli illeciti, ma questi hanno finito per bloccare anche gli onesti che fanno così fatica a operare”. Il sottosegretario ha quindi annunciato di voler abbattere i muri e “dare fiducia ai cittadini, ai professionisti e alle imprese” per poi far scattare “i controlli nella fase successiva”.

Obiettivo  “Il 2019 – ha aggiunto Crimi – deve essere l’anno in cui la ricostruzione post sisma riparte laddove aveva avuto qualche cenno iniziale e parte dove non si era mai avviata”. Il sottosegretario ha parlato di “maggiore responsabilità” ai Comuni, ma “saranno dotati – ha assicurato – di risorse necessarie per poter accelerare le procedure”. I primi interventi che il Governo metterà in atto su questa linea saranno di “tipo legislativo”, ha sottolineato Crimi che ha posto l’accento anche sulla ricostruzione pubblica. “Per la quale – ha detto – vanno semplificate tutte le procedure complesse del codice degli appalti”.

Marini “Ci aspettiamo una semplificazione delle norme soprattutto per il recupero dei danni lievi, ma anche un adeguamento delle strutture operative che si occupano della ricostruzione post sisma”. È quanto ha detto a presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, al termine dell’incontro. “Si è trattata di una prima riunione – ha aggiunto Marini – in cui abbiamo illustrato i vari punti di criticità al sottosegretario che, per conto del Governo, si è assunto degli impegni”.

Bassetti “Mi sembra che si stiano approntando dei criteri per poter camminare insieme e che siano risolutivi. Anche se la situazione resta molto complessa”, ha detto il presidente della Conferenza episcopale italiana, cardinale Gualtiero Bassetti, dopo il vertice presso la prefettura di Perugia con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. “Ognuno ha presentato le proprie necessità e lo abbiamo fatto anche noi per gli edifici di culto”, ha spiegato il porporato. “Come Cei – ha proseguito – stiamo lavorando per quel che ci compete per l’aspetto dei monumenti, delle chiese e dei beni culturali, in sinergia con tutta la macchina del terremoto. Quello che è stato detto – ha concluso Bassetti – apre alla speranza”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere