CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, ok della Camera al decreto: Norcia si prepara al Natale e avanzano i lavori per le casette. In Umbria quasi 3mila edifici inagibili

EVIDENZA Cronaca e Attualità Extra

Sisma, ok della Camera al decreto: Norcia si prepara al Natale e avanzano i lavori per le casette. In Umbria quasi 3mila edifici inagibili

Redazione
Condividi

I lavori nell'area di via XX Settembre

PERUGIA – E’ arrivata nella giornata del 14 dicembre l’approvazione definitiva da parte della Camera dei Deputati al decreto terremoto. I provvedimenti urgenti a favore del sisma, sono stati approvati all’unanimità dall’assemblea di Montecitorio (440 favorevoli e nessun contrario). Il provvedimento contiene la procedura per il noleggio dei container da installare nelle zone colpite in attesa della realizzazione delle casette, la possibilità per i Comuni di assumere personale in deroga e di procedere senza gara per i lavori sotto i 40mila euro che riguardano il recupero del patrimonio artistico. Il provvedimento riconosce il 100% dei contributi per la ricostruzione e la riparazione degli edifici privati – prime e seconde case – colpiti dalle scosse che dal 24 agosto hanno interessato i comuni di Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo (rispetto agli iniziali 62 ne sono stati sommati 69, per un totale di 131) inseriti nell’area del cratere. Fuori da quest’area, il contributo sarà sempre del 100% per prime e seconde case in centri storici e borghi, al 50% per tutte le altre situazioni. L’articolo 1 del testo sottolinea che il commissario per la ricostruzione Vasco Errani – con l’ausilio dei presidenti delle quattro regioni, in qualità di vice commissari – è chiamato ad assicurare, si legge nel decreto, una ricostruzione unitaria e omogenea del territorio. Enorme la soddisfazione dei deputati umbri: “Sono soddisfatto dell’approvazione di due ordini del giorno – ha affermato il deputato umbro di Forza Italia, Pietro Laffranco -, l’uno, a mia firma, fortemente voluto dalle associazioni di categoria ed attinente alla contribuzione in conto capitale alle imprese turistiche, anche stagionali, che abbiano subito riduzioni di attività nelle zone interessate ed in quelle limitrofe e l’altro, sottoscritto assieme al collega Palmieri, tendente ad eliminare una serie di misure burocratiche, già previste dal decreto sulla trasparenza del 2013, che avrebbero appesantito la già complessa attività dei Comuni”. Queste invece le parole del deputato Pd, Giampiero Giulietti:”La sfida che il Parlamento si è posto è ricostruire rapidamente territori ricchi di storia e di cultura quanto deboli a livello sociale e umano mantenendo integro il tessuto umano e civile e restituendo forza e futuro a quello sociale ed economico. L’istituzione degli Uffici speciali per la ricostruzione post sisma sosterranno questo processo. Il decreto stabilisce di ricostruire oltre alle prime case anche le seconde fuori dal cratere se lesionate e affittate come prima casa. Sicuramente oggi si è scritta una pagina nella storia di questo paese, una pagina nella quale la politica si è messa davvero al servizio della gente ed in cui l’Umbria ha avuto un posto di rilievo per uscire da una tragedia come quella del sisma del 24 agosto e del 30 ottobre”.

Tremila edifici inagibili In Umbria, secondo i dati forniti dalla Protezione civile, dalle 10.915 verifiche effettuate risultano 4.926 edifici agibili, 294 “non utilizzabili” per solo rischio esterno mentre sono 2.636 gli esiti di “non utilizzabilità”. Sono infine 3.059 gli edifici che, al momento, risultano senza esito.

Casette, avanti i lavori Nella città di San Benedetto proseguono senza sosta in via XX Settembre i lavori per l’allestimento dell’area Sae e per il montaggio dei moduli abitativi. Di seguito alcune immagini.

Baglioni in concerto per Norcia Claudio Baglioni protagonista di un grande evento di solidarietà per aiutare i bambini colpiti dal terremoto e per sostenere l’ospedale pediatrico di Bangui. Sabato 17 dicembre, nell’aula Paolo VI della Città del Vaticano, il grande cantautore romano, salirà sul palco insieme a tanti altri artisti per uno spettacolo che avrà lo scopo di raccogliere fondi per ricostruire l’oratorio di Norcia, danneggiato dai sismi di agosto e ottobre. “L’idea – ha detto Baglioni nel corso di un’intervista rilasciata a Radio Vaticana e riportata dall’Ansa – nasce da una proposta di Papa Francesco, e casualmente corrisponde anche al giorno del suo ottantesimo compleanno. Papa Francesco ha aperto il Giubileo della Misericordia a Bangui; e visitando l’ospedale ha trovato questa struttura in condizioni piuttosto critiche. In seguito, purtroppo si è verificato anche il sisma nelle zone del Centro Italia e allora si è pensato che fosse anche un segnale simbolico, ma al tempo stesso fattivo, quello di poter trasferire una parte di queste somme ad un’opera che poi si completerà per un oratorio di Norcia”. In occasione del 200° anniversario della Gendarmeria Vaticana, il comandante del corpo, Domenico Giani ha annunciato il progetto Avrai di Claudio Baglioni, il concerto-evento che si terrà eccezionalmente il 17 dicembre 2016 nell’Aula Paolo VI. La seconda finalità, riguarda la costruzione di una intera struttura destinata ai bambini di una delle aree colpite dal recente sisma del Centro Italia. Il progetto parte, su indicazione di Papa Francesco, dal cuore dell’Africa e arriva nel cuore d’Italia per costruire attività e opere a favore del mondo dei bambini tutti. Distanti e vicini. In un abbraccio partecipe e solidale che va da chi vive da sempre condizioni difficili a chi le vive in questo momento. La quasi totalità degli operatori telefonici, vista la rilevanza delle finalità e l’unicità del progetto, ha concesso dal 1 dicembre al 21 dicembre il numero solidale 45523 per un’ulteriore raccolta a sostegno degli obiettivi sopradescritti, che si aggiungerà all’incasso della serata del 17 dicembre. Il valore della donazione sarà di 2 euro con un sms da rete cellulare oppure 5 o 10 euro, chiamando da rete fissa al numero solidale 45523.

Campanile Intanto, è cominciata la messa in sicurezza del campanile di Santa Maria Argentea, la cattedrale di Norcia gravemente danneggiata dal sisma. I vigili del fuoco stanno procedendo al recupero delle campane. Nel frattempo, continua la realizzazione delle grande ‘gabbia’ che dovrà garantire protezione alla facciata della basilica di San Benedetto. Il posizionamento, si apprende dai vigili del fuoco, dovrebbe essere completato tra tre, quattro giorni. La ‘gabbia’, che sarà ancorata a terra su due piattaforme di cemento, rivestirà completamente l’esterno della facciata e sarà poi agganciata nella parte interna della stessa. Una sorta di “abbraccio” che dovrebbe garantire stabilità anche in caso di nuove scosse sismiche.
Nel centro storico di Norcia continuano, nel frattempo, le verifiche per certificare l’agibilità degli edifici pubblici e privati: l’obiettivo è quello di riaprire una porzione della “zona rossa” e in particolare corso Sertorio e alcune vie parallele, prima di Natale.

Gentiloni: “Presto nelle zone terremotate”. “Nei giorni prossimi andrò con il commissario Errani e il capo della Protezione civile Curcio” nelle zone colpite dal terremoto”. Lo annuncia il premier Paolo Gentiloni in sede di replica in Aula alla Camera. “L’emergenza è fatta sia di condizioni drammatiche di persone sfollate che di altre persone che hanno problemi di agibilità delle loro case. E poi ci sono problemi legati alla fase della ricostruzione”, aggiunge. E’ “una straordinaria priorità”: ci sono “15-20 milioni di italiani coinvolti dallo shock, dalla preoccupazione, dalla paura. Una intera zona nel centro del paese, l’impegno lì deve essere immediato”, ribadisce.

Confindustria Sabato tra Marche, Umbria e Lazio Confindustria svelerà quella che è la sua proposta per le imprese dell’Italia centrale, e a farlo sarà il presidente degli industriali Vincenzo Boccia. Il numero uno di Confindustria lo ha annunciato martedì a Pesaro, a margine dell’assemblea degli industriali pesaresi. «Non voglio svelare nulla adesso – ha detto ai giornalisti – ma sabato incontreremo le imprese danneggiate per una proposta di carattere interno che è ancora presto rendere pubblica. Lo faremo sabato. Ma faremo di tutto per essere vicini a queste aziende».

Vescovo Intanto il vescovo della diocesi di Spoleto e Norcia, monsignor Renato Boccardo, ha reso noto che la messa di mezzanotte, la sera della vigilia di Natale, sarà celebrata nella tensostruttura allestita a Norcia. A officiarla sarà proprio Boccardo che ha deciso di celebrare tutte le funzioni natalizie nei paesi colpiti dal terremoto. La mattina del 25 dicembre, infatti, alle 11.30 Boccardo sarà a Cascia, mentre alle 15 è previsto l’appuntamento con i fedeli di Preci. «La presenza del presule – spiega la diocesi – intende essere un ulteriore segno di vicinanza della Chiesa locale alla gente che sarà costretta a trascorrere le festività fuori dalle proprie abitazioni».

Comitato Il vice Commissario alla ricostruzione e presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha convocato per domani, giovedì 15 dicembre (alle ore 15, nella Sala Giunta di Palazzo Donini), a Perugia, la riunione del Comitato istituzionale dell’Umbria. Tra i punti all’ordine del giorno figura la nuova procedura per il censimento dei danni, la ricognizione del fabbisogno delle SAE, soluzioni abitative per l’emergenza, ed i provvedimenti per la messa in sicurezza degli abitati. Alla riunione parteciperà anche il Commissario alla ricostruzione Vasco Errani.

Luminarie Dopo il terremoto del 30 ottobre, il centro di Norcia è zona rossa ma lungo la via principale del cuore della città umbra sono comparse le prime luminarie di Natale.
Le decorazioni hanno cominciato a fare la loro comparsa in corso Sertorio fino a piazza San Benedetto. Sono però ancora spente. Per vederle accese si dovrà infatti aspettare ancora qualche giorno. “Le luminarie saranno accese il 22 dicembre – ha detto all’Ansa l’assessore comunale alla Cultura Giuseppina Perla -, quando contiamo di riaprire lo stesso corso Sertorio. In concomitanza con l’accensione dell’albero di Natale e del Presepe in piazza San Benedetto”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere