CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sisma, Boccardo punta l’indice: “Dai politici parole, non risposte ai bisogni”

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto

Sisma, Boccardo punta l’indice: “Dai politici parole, non risposte ai bisogni”

Redazione
Condividi

Un momento delle celebrazioni

NORCIA – Sette domande per chiedere spiegazioni al Governo e alle istituzioni regionali sul perché delle lungaggini della burocrazia che non permettono una veloce ricostruzione delle zone colpite dagli eventi sismici del 2016. Ad avanzarle è stato il vescovo di Spoleto-Norcia, monsignor  Renato Boccardo, durante l’omelia pronunciata giovedì mattina per la celebrazione di San Benedetto a Norcia.

Tempo “La gente di queste vallate vuole vivere e non essere accompagnata dolcemente alla morte, che si manifesta nello spopolamento delle frazioni, nella precarietà del lavoro, nell’incertezza della ripresa del turismo”, ha detto il presule prima di elencare i sette “perché” con destinatari i “vari presidenti del Consiglio, ministri e sottosegretari, parlamentari italiani ed europei, che in questi quasi tre anni non hanno mancato di farsi vedere a Norcia, con tante assicurazioni e promesse”, ha detto ancora il vescovo.

Marini Dal canto suo la presidente della Regione Catiuscia Marini, presente alle celebrazioni, ha rimarcato all’Ansa come “per accelerare la ricostruzione sono convinta che bisogna dare la massima operatività agli enti locali che operano sul territorio”.

Farabollini Secondo il commissario straordinario Piero Farabollini, che ha preso parte anche lui alle celebrazioni per San Benedetto, il nuovo decreto terremoto “contiene delle misure che vanno nella direzione richiesta dai cittadini e dalle istituzioni, in particolar modo dei Comuni, così da dare una forte accelerazione alla ricostruzione post sisma”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere