CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Si continua a tremare nell'Orvietano, 3 e 4 giugno scuole chiuse: istituito un centro d'accoglienza

Cronaca e Attualità

Si continua a tremare nell'Orvietano, 3 e 4 giugno scuole chiuse: istituito un centro d'accoglienza

Redazione
Condividi

ORVIETO – La terra continua a tremare nell’Orvietano e soprattutto in quel di Castel Giorgio. La protezione civile di Orvieto è al lavoro da giorni per monitorare la situazione di tutto il comprensorio, grazie anche all’ausilio dei carabinieri e della polizia. Le squadre di pronto intervento questa mattina si sono recate nelle zone più vicine all’epicentro per verificare se ci siano stati danni e per dare supporto alla popolazione. L’ultima scossa è stata quella di stamattina delle 5.27 di magnitudo 3.2, ad una profondità di circa 5 km. In totale, nella notte fra mer­co­ledì e  gio­vedì, sono state avver­tite sette scosse di una forza com­presa tra 1.2 e  2.6. Nell’area inte­res­sata dal sisma pro­se­gue ancora il lavoro dei tec­nici per la veri­fica di danni a strut­ture.

cosa fareDISPOSIZIONI E CENTRO DI ACCOGLIENZA Intanto, in una nota ufficiale della protezione civile «si comunica che le scuole di ogni ordine e grado dei comuni di Allerona, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Fabro, Orvieto, Porano, per ordinanza sindacale, resteranno chiuse nei giorni 3 e 4 giugno 2016. Per ulteriori informazioni potete contattare i numeri 0763306410-0763306418-0763306419-3296509987». In mattinata è stato istituito anche un centro di accoglienza presso la palestra di Castel Giorgio. Pertanto chi sta cercando ricovero o vuole accedere ai servizi igienico sanitari potrà farlo.

PRESUNTI DANNI AL CASTELLO DI MONTALFINA, OK IL RESTO Proseguono anche i controlli sugli immobili dopo lo sciame sismico di questi giorni. Ieri mattina, 1° giugno, i controlli hanno interessato il Duomo di Orvieto, monumento importante in città. Finora non sono state riscontrate criticità alle strutture, e csì l’Ing. Floriano Custolino ha effettuato sopralluoghi nuovamente su tutte le scuole di proprietà dell’Ente. Per il momento il sindaco a disposto la chiusura, solo in via precauzionali e non per ragioni legate alle strutture. Nella giornata del 3 giugno i tecnici controlleranno lo stato del Castello di Montalfina, dove si pensa ci possano essere alcuni danni.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere