CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Sequestrate trappole per cinghiali, ora un 46enne rischia il carcere

Cronaca e Attualità Terni

Sequestrate trappole per cinghiali, ora un 46enne rischia il carcere

Redazione
Condividi

Le trappole sequestrate

TERNI – Sono entrati in azione all’alba di martedì 18 agosto i militari della stazione carabinieri forestali di Terni in località Palmetta, lungo strada San Clemente per portare a termine un’operazione antibracconaggio: sequestrate tre gabbie per la cattura di fauna selvatica e denunciato un 46enne ternano per i reati di caccia con mezzi non consentiti, caccia in periodo di divieto generale, nonché del reato di tentato furto venatorio. Le trappole erano state poste su un terreno agricolo in parte coltivato ad uliveto ed in parte destinato all’allevamento di animali da cortile e pecore, che confina con un boschetto, a ridosso del quale erano state posizionate le tre gabbie. Una più grande, le altre due di dimensione più ridotte ma tutte destinate inequivocabilmente alla cattura di animali selvatici.

Meccanismo All’interno delle tre gabbie era presente cibo allo scopo di attirare gli animali che entrando avrebbero azionato il meccanismo a scatto con conseguente chiusura a ghigliottina della gabbia e impossibilità per l’animale di uscire. La zona è particolarmente frequentata da cinghiali e sia la tipologia che le dimensioni delle gabbie erano idonee proprio alla cattura questi animali. Dopo accurate indagini effettuate anche con l’ausilio di telecamere, i militari sono riusciti a identificare l’autore del reato, un quarantaseienne di Terni, deferito all’autorità giudiziaria: rischia la pena dell’arresto fino a un anno, un’ammenda fino a 4.000 euro, oltre alla reclusione fino a 6 anni e alla multa per oltre mille euro

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere