CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Umbri contro compagnie telefoniche e pay tv: 4 mila contenziosi in un anno

EVIDENZA Perugia Terni

Umbri contro compagnie telefoniche e pay tv: 4 mila contenziosi in un anno

Redazione
Condividi

PERUGIA –  Crescono i contenziosi degli umbri con gli operatori di telefonia e pay tv e sempre di più si rivolgono al Corecom per risolverli. È emerso nel corso della riunione della Prima commissione del consiglio regionale, che lunedì mattina ha approvato all’unanimità la relazione del Comitato regionale per le comunicazioni sull’attività del 2019. Illustrando la relazione, il presidente del Corecom, Marco Mazzoni, ha sottolineato che il suo mandato è in scadenza ribadendo di voler lasciare una struttura efficiente e che continui a lavorare in sintonia come fatto in questi anni.

Numeri Nel 2019 le istanze presentate dai cittadini umbri al Comitato per risolvere contenziosi con operatori di telefonia e pay tv sono stati 4.189, con un incremento dell’8 per cento rispetto al 2018, di cui 3.316 conciliazioni (aumento del 7,3 per cento sul 2018) e 404 definizioni (4 in più rispetto all’anno precedente). Un trend in crescita, per Mazzoni, dovuto al buon lavoro del Corecom e al passa parola tra gli umbri. Il 2019 è stato anche l’anno del consolidamento di ConciliaWeb, la piattaforma completamente on line per la gestione delle controversie. È per questo che quest’anno non è possibile dire quanti soldi sono stati restituiti agli umbri (erano stati un milione e 300 mila euro nel 2016 e un milione e 200 mila nel 2017) perché con la piattaforma telematica tutto è accentrato ad Agcom.

Monitoraggio Tra le funzioni proprie del Corecom c’è la verifica del rispetto della par condicio e attività in campagna elettorale e nel 2019 questo ha comportato un gran lavoro perché si sono tenute tre tornate elettorali (europee, comunali e regionali); e la verifica del rispetto del pluralismo politico e istituzionale nel Tgr Umbria (nel 2019 sono state visionate 1095 edizioni per un totale di circa 255 ore). Mazzoni ha ricordato che queste delicate attività sono svolte da due collaboratori del Corecom a tempo determinato, una situazione che andrebbe risolta. Infine Mazzoni ha sottolineato l’impegno del Corecom per il cyberbullismo, con una ricerca sulla situazione in Umbria. I fondi Corecom del 2019 sono stati poco più di 217 mila euro.

Tv di comunità Anche nel 2019, il Corecom si è fatto promotore del Progetto di Tv di comunità, dedicato nel 2019 al “Turismo slow: raccontare per promuovere l’Umbria. Economia e cultura, il futuro è digitale”.  Tv, radio e organizzazioni del terzo settore hanno partecipato con sedici video e sei podcast narrativi. Stamani, a Palazzo Cesaroni si è svolta la cerimonia di proclamazione dei vincitori. A presiedere la cerimonia lo stesso Comitato umbro, composto dal presidente Marco Mazzoni e dai consiglieri Maria Mazzoli e Stefania Severi. Ha portato il saluto dell’Assemblea legislativa, il presidente Marco Squarta. Per le tv: al primo posto Umbria Tv con 100 punti, riceve un contributo di 9 mila euro per i video “Umbria, un mondo intero” e “Vivi slow, vivi l’Umbria”, al secondo Rtua (Tele Orvieto Due) con 85 punti (7 mila euro) per “Percorsi – Ho cambiato marcia” e “Percorsi – Tra i due fiumi”; al terzo Tef Channel con 75 punti (4 mila euro) per “Umbria da guinness” e “Marmore uno spettacolo di cascate”; al quarto posto Tele Radio Gubbio con 50 punti (3 mila euro) per “La Via dello spirito – tra il sasso del Catria e il monte Cucco” e “Passeggiando per il canyon del Bottaccione”.

Radio Per le radio: al primo posto Radio Tadino con 85 punti, riceve un contributo di 4 mila euro per i podcast “La casa della nonna” e “Profumo di storia”; al secondo posto Radio Gente Umbra con 75 punti (2.500 euro) per “Bevagna, l’arte del Medioevo che ha cambiato la città” e “Il riscatto di una comunità: Rasiglia e le sue sorgenti”; al terzo posto Radio Regional con 65 punti (1.500 euro) per due podcast dal titolo “Viaggio intorno ai suoni dell’Umbria”. Per le associazioni: al primo posto RealMente con 75 punti (7 mila euro) per i video ‘The sound of Perugia’ e “Le ceramiche di Deruta. A real experience”; al secondo posto l’associazione ‘Menteglocale’ (5 mila euro) con 65 punti, per “Le ciclovie dell’Umbria. Narni-Otricoli” e “Trasimeno a cavallo”; al terzo posto l’associazione culturale ‘Argo’ con 55 punti (4 mila euro) per “Un fantasma a Perugia” e “2135 edizione straordinaria”; al quarto posto l’associazione ‘Nuovo Ente Palio dei Quartieri’ con 50 punti (3 mila euro) con “Nocera Umbra oasi di pace e natura” e “Nocera Umbra: l’arte medievale del centro storico”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere