CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Scopoli, a tutto live con la quinta edizione di “Holydays Festival”

Eventi Cultura e Spettacolo Foligno Spoleto Extra Città

Scopoli, a tutto live con la quinta edizione di “Holydays Festival”

Redazione cultura
Condividi

Don Karate

SCOPOLI – Quinta edizione per Holydays Festival che quest’anno prenderà il via a Scopoli, piccolo borgo quattrocentesco situato nel cuore della Valle del Menotre, dal 2 al 4 agosto con live acts da tre continenti tra dj set e arti e oltre 20 artisti tra band e dj del panorama internazionale. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

Luogo poco battuto dai sentieri turistici, nonostante sia situato a pochi chilometri dalla ben più nota Rasiglia, Scopoli è uno scenario unico dal punto di vista paesaggistico: un piccolo borgo immerso tra i boschi, quasi una scoperta inaspettata nascosta nel verde. La line up, selezionata con un anno di anticipo contattando direttamente gli artisti, è concepita in accordo con le caratteristiche del contesto e articolata in modo tale che il pubblico possa vivere l’esperienza live in armonia con la location e con lo scorrere delle diverse ore del giorno, nel rispetto dell’ascolto individuale.

Tra i nomi internazionali in programma, Larry Gus (Grecia – 3 agosto), che torna sulle scene a settembre 2019 con un nuovo disco, dopo tre anni di silenzio: il concerto a Scopoli sarà l’occasione per presentare in anteprima il nuovo materiale con un show performativo interamente analogico. E ancora L’Eclair (Svizzera – 3 agosto), giovanissimo sestetto che definisce il proprio sound «kraut-exo-soul-brutal-funk-turkish-groove», Don The Tiger (Spagna/Germania – 4 agosto), che si esibirà in duo, The Tambles (Olanda – 2 agosto), veri e propri cultori del rock ‘n’ roll d’annata, alla prima esperienza discografica, Xanducero + San Ignacio (Uruguay/Argentina – 3 agosto).

Tra gli italiani Holiday Inn, minimal synth-punk da Roma Est (2 agosto); Wow, reduci dalla recente uscita dell’ultimo album ‘Come la notte’, (2 agosto); Don Karate (3 agosto), progetto del batterista Stefano Tamborrino tra elettronica, atmosfere cinematografiche, jazz e hip hop, che sarà presentato in quartetto; il rapper di origini etiopi Avex (3 agosto), già ospite del Montreaux Jazz Festival.

Per gli ospiti del festival saranno a disposizione un’area campeggio attrezzata, bungalows, un’area ristoro, market con merchandising, artigianato e autoproduzioni, attività sportive e passeggiate sulle montagne. Una caratteristica di assoluta originalità di Holydays festival è il tentativo di creare una “piccola comunità” in cui pubblico e artisti condivideranno spazi e quotidianità: i musicisti saranno ospitati nelle stesse strutture dell’area camping e dei bungalows, vivendo i tre giorni fianco a fianco con il pubblico. Una comunità di cui la popolazione di Scopoli è parte integrante: durante i mesi di preparazione a Holydays, la cittadinanza del luogo è stata coinvolta attivamente nell’organizzazione del festival, per unire in un’unica esperienza chi vive abitualmente il borgo e chi lo scoprirà grazie alla musica.

La line up 

  • Venerdì 2 agosto The Tambles, Holiday Inn, Wow, Lupetto, Rocco Zulevi, Elena Annibali, SPAF Combo, Il Lercio
  • Sabato 3 agosto Larry Gus, L’Eclair, Don Karate, Avex, Xanducero, Carniceria, Pinchado, Orchestra Moderna, Shawala
  • Domenica 4 agosto Don The Tiger, Guenter Raler, Atalaya, Enrico Zanisi, San Ignacio, SSiege, Pulsar, Leonardo Martelli, Afro Templum Armada

 

 

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere