CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Scheggino, il Teatro per sostenere il progetto Norcia Vive

Eventi Cronaca e Attualità Cultura e Spettacolo Foligno Spoleto Extra Città

Scheggino, il Teatro per sostenere il progetto Norcia Vive

Redazione cultura
Condividi

SCHEGGINO – È stata presentato stamani a Palazzo Comunale di Scheggino Un palcoscenico per la Solidarietà, una serie di spettacoli con l’obiettivo di raccogliere fondi preziosi da destinare al progetto Norcia Vive che si terrà da sabato 11 marzo a lunedì 17 aprile al Piccolo Teatro di Scheggino. Sei le rappresentazioni per la rassegna diretta da Giorgio Santi della Pro Narco, con la coordinazione di Giuseppe Fares (G.A.D.) e Antonella Guidobaldi (Cesvol). Ad andare in scena saranno alcune compagnie di professionisti e di principianti con l’obiettivo di raccolgiere raccolta fondi da destinare al progetto Norcia Vive per la ricostruzione di una casa delle associazioni nel territorio di Norcia.

La finalità del progetto, ideato e promosso dal Cesvol di Perugia, è la creazione di un centro polivalente da adibire a Casa dell’associazionismo, dei gruppi informali, e di tutte le realtà organizzate e non, che insieme vi potranno ritrovare un luogo di rinascita sociale e culturale e di aggregazione, un contesto di relazioni sociali in grado di sostenere e rafforzare l’intento di tutta la cittadinanza di ricreare e ricostruire un senso compiuto di cittadinanza attiva e di progettazione partecipata. La prospettiva è quella di realizzare una struttura che apparterrà alla comunità di Norcia, attraverso l’operosità e la proposta delle associazioni ivi presenti e del Cesvol. Il progetto nasce dalla presa di coscienza che una comunità quando è privata di ogni punto di riferimento, può e deve ricominciare a ricomporsi anche a partire dal ripristino di spazi predisposti alla socialità, alla condivisione di idee, di progetti. La stessa comunità trae giovamento anche nell’essere coinvolta in prima persona nella realizzazione di iniziative tenute insieme dallo stesso filo rosso della rinascita, della rigenerazione, della libera espressione della creatività positiva che l’associazionismo insieme con il Cesvol possono e devono mettere in campo per la rinascita di Norcia.

Gli interventi – Molto soddisfatta Paola Agabiti, sindaco di Scheggino, che ha sottolineato l’intento di “essere accoglienti e collaborare per rinascere insieme. È questo il nostro obiettivo più grande. Desideriamo rialzarci ma allo stesso tempo trasmettere forza ai nostri amici di Norcia. Vogliamo essere un valido sostegno per tutta quella gente la cui vita è stata sconvolta dalla forza distruttrice del terremoto. Il nostro augurio è che questa iniziativa possa fungere da stimolo a raggiungere queste zone, al fine di sostenerle economicamente e moralmente. La situazione a Scheggino è contenuta, per questo motivo abbiamo deciso di operare in favore delle popolazioni che sono state meno fortunate. È nostro dovere agire con forza e determinazione per trasformare, con azioni concrete, una situazione difficile in opportunità. L’appello che lancio è di venire numerosi a Scheggino e di far conoscere questa iniziativa solidale e culturale a molte persone”. Salvatore Fabrizio, direttore del Centro Servizi per il Volontariato di Perugia ha dichiarato che “lungo questa difficile strada che ancora non possiamo definire post-sismica, il Cesvol di Perugia insieme ad una forte rete di associazioni nursine, ha intrapreso una strada complessa con obiettivi a medio e lungo termine che vede, nell’accoglienza del sindaco Paola Agabiti, una lungimiranza. La stessa lungimiranza che stanno dimostrando di avere altre regioni e città italiane che si stanno adoperando per lo stesso obiettivo ovvero la costruzione di una casa dell’associazionismo a Norcia. Ricordiamo alcuni dei comuni italiani, tra cui Poggibonsi, Radda in Chianti e Castellina in Chianti e altre città in provincia di Firenze e addirittura dalla Sardegna”. Una nota particolare per il GAD, che con il suo Presidente, Giuseppe Fares, ideatore dell’iniziativa, ha dovuto rinunciare ad una propria rappresentazione in quanto sia gli attori che le maestranze dell’associazione sono sparsi in tutta la Regione in sistemazioni provvisorie. Nonostante questo ed anche grazie alla ferma convinzione che anche con il teatro, così come con la musica e con altre forme espressive, si possono sostenere grandi progetti sociali, l’Associazione è stata tra le prime ad aderire e a farsi promotrice del progetto Norcia vive.

Il programma – … Vieni avanti cretino dell’associazione culturale F.lli De Rege,omaggio a Napoli e ai suoi artisti del duo comico Giovanni Allocca ed Enzo Varone, pianoforte e voce Marco Mantovanelli (11 marzo ore 21); È arriatu mi cugginu della Nuova compagnia teatro Città di Terni, autore Maurizio Gironi, regia Silvano Locci (12 marzo ore 17.30); L’amico del diavolo della compagnia teatrale I Clitunnali di Campello sul Clitunno, adattamento da Peppino De Filippo, regia Graziano Petrini (19 marzo ore 17.30); Franco lu macellaro della compagnia teatrale La Maschera di Spoleto, autore Gianfrancesco Marignoli, regia Fausto Di Cicco Pucci (2 aprile ore 18); Passione napoletana con il tenore Carmine Di Domenico, i musicisti Carmine Terracciano, Sarà Piedepalumbo, Domenico Monda (8 aprile ore 21); Faciolu della compagnia dei Pottacci di Scheggino e Sant’Anatolia di Narco, autore Gianfrancesco Marignoli, regia Giorgio Santi (17 aprile ore 21). Informazioni e prenotazioni: 349.7929843 (Cesvol Valnerina) – 331.3685546 (Giorgio Santi).