CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sanremo 2017, Valeria Farinacci scalpita: “Cantare con l’orchestra, che emozione!”

Terni Cultura e Spettacolo Interviste Extra EVIDENZA2

Sanremo 2017, Valeria Farinacci scalpita: “Cantare con l’orchestra, che emozione!”

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – E’ partita solo oggi destinazione Sanremo ma in realtà Valeria Farinacci ha già girato come una trottola: “Torno ora da Milano- dice rubando pochi minuti al fitto scadenzario sanremese –  siamo andati a fare la prova abito. Ma ho già fatto le prove sia a Cinecittà che all’Ariston…che dire, non vedo l’ora”. La giovane interprete ternana sarà protagonista della sezione Giovani del Festival di Sanremo 2017, con la canzone “Insieme”, scritta da Giuseppe Anastasi, due volte vincitore di Sanremo con Arisa (2010 nei Giovani con “Sincerità”, 2014 “Controvento”), nonchè marito della sua manager Carla Quadraccia, al secolo Carlotta, ultima rappresentante della provincia di Terni passata dall’Ariston (sezione Giovani, correva l’anno 2001 e l’amerina chiuse quinta con “Promessa”.)

Onore ed emozione. Il cuore batterà a mille all’ora quando salirà sul palco per cantare ma intanto una prima emozione l’ha già provata: “Abbiamo fatto le prove all’Ariston, con tanto di presentazione – dice – ho avuto modo di conoscere l’orchestra: grandi professionisti e persone straordinarie…ma soprattutto, che grande emozione ho provato quando l’orchestra ha suonato il mio pezzo. Per una esordiente, sentire la propria canzone suonata da una grande orchestra come quella di Sanremo è una cosa indimenticabile. E davvero per me è lo stato e lo sarà ancora”.

L’emozione, sarà il maggior avversario, c’è da crederlo. Anche perchè Valeria Farinacci ha già detto di voler salire sul palco con un obiettivo chiaro: “Comunicare con la gente attraverso il mio pezzo, che ha un messaggio importante, quello dello stare insieme, al di là dei problemi che possono sorgere quando si vive una storia d’amore. Voglio emozionarmi ed emozionare, andare al di là di tutto il resto. Perchè la gara è importante, ma io la sento fino ad un certo punto. Ecco, una cosa si mi piacerebbe: arrivare alla seconda esibizione”. Perchè il meccanismo dei giovani da qualche anno è spietato: sfide dirette con primo accoppiamento a sorteggio (due sfide  mercoledì 8 e due giovedi 10), tabellone tennistico, chi perde va a casa, chi vince arriva alla serata del venerdì, quando è comunque garantita una seconda esibizione per la semifinale. Chi vincerà canterà di nuovo, nella stessa sera, per il titolo finale.

Emozione, ma anche responsabilità: “Porto il brano scritto da un autore importante e per me è un grande onore, un privilegio, ma anche un’arma a doppio taglio, proprio perchè ci si aspetta tanto. Ma ripeto, io voglio vivermi questa esperienza serenamente, ai di là della gara, poi è chiaro che se viene il risultato, tanto meglio”. E se dovesse vincere: “Dirò grazie alla mia famiglia, che mi ha sempre sostenuto e a mia nonna, che quando ha ascoltato il brano se n’è subito innamorata e nella sua semplicità mi ha detto che il messaggio arrivava dritto al cuore…”. Tutto pronto, dunque, per il palco dell’Ariston “che è molto più piccolo di quello che sembra in tv, e fra l’altro per far posto all’orchestra hanno anche tolto una fila”…

Made in Umbria. Sarà una squadra ‘made in Umbria’, quella che l’accompagnerà, non solo perchè la sua manager è Carlotta che insieme con Anastasi vive stabilmente ad Amelia, ma anche perchè a dirigere l’orchestra c’è un’altro nome importante ternano, Francesco Morettini, già più volte protagonista sul palco di Sanremo, sia come autore (“Non scherzare dai”, di Fedele Boccassini, Giovani 1996 e la citata “Promessa”) che come direttore d’orchestra, con la stessa Carlotta e con i Jalisse nell 1996 con “Liberami” fra i Giovani.

Morettini, fra l’altro, è oggi autore anche di brani per numerosi artisti pop nostrani (fra le altre ‘Passione e lacrime’ di Emma, ‘Un bacio prima di morire’ di Annalisa, ‘La vita che mi aspetta’ di Renato Zero e ‘Ma c’è tempo’ di Mina).

LEGGI ANCHE: VALERIA FARINACCI: “SANREMO E’UN SOGNO CHE SI AVVERA”

Arriva l’EP.  Ce ne aveva già parlato subito a ridosso della sua vittoria ad Area Sanremo. Il suo Ep che porta il titolo del pezzo sanremese è uscito  l’altro ieri in formato digitale per Believe Digital, mentre il 10 febbraio, giorno della finale dei Giovani, uscirà la versione fisica. Conterrà sei tracce: tre versioni del brano del Festival (quella ufficiale, quella strumentale e una versione interpretata con la partecipazione del chitarrista Massimo Varini, già collaboratore di Nek, Bocelli, Pausini, Vasco Rossi e tanti altri), più altri tre inediti (‘Dopo cena’, ‘Cuore rotto’ e ‘Per tutta la notte’), tutti firmati da Anastasi.

 

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere