martedì 28 Giugno 2022 - 20:20
26 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Sanità privata, in Umbria al via il nuovo sistema di accreditamento istituzionale

Audit partiti da un laboratorio di Marsciano il primo febbraio: "Obiettivo è garantire sanità sicura e di qualità"

PERUGIA – La Regione ha avviato un nuovo sistema dell’accreditamento istituzionale della sanità umbra e il primo febbraio si è svolto il primo audit di verifica della qualità presso un ambulatorio di Marsciano. Un processo che poi riguarderà tutte le altre strutture private. A renderlo noto è stato l’assessore Luca Coletto giovedì in occasione dell’aggiornamento settimanale sulla pandemia in Umbria. “Siamo arrivati a questo risultato dopo un complesso e impegnativo lavoro di riforma del modello di accreditamento della Regione che era fermo dal 2018 e che adesso risulta conforme a tutti gli standard nazionali stabiliti dalla Conferenza Stato-Regioni e da Agenas e che mirano a una sempre maggiore trasparenza, terzietà, imparzialità a tutela e garanzia della sicurezza e della qualità delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie”.

Il nuovo modello

“Il nuovo modello, adesso interamente governato e gestito dal pubblico – è stato sottolineato -, coinvolge due strutture regionali (l’Oaia, Organismo amministrativamente e istituzionalmente accreditante, e l’Otar, Organismo tecnicamente accreditante regionale) e si avvale della collaborazione della neonata società regionale PuntoZero. Sono stati selezionati e formati oltre 50 auditor, tra valutatori ed esperti tecnici e al momento, è in corso la digitalizzazione dell’intero processo visto che già da qualche mese le strutture sanitarie possono presentare istanza di accreditamento direttamente on-line”. “In circa un anno e mezzo – è stato spiegato ancora -, sono stati approvati numerosi atti amministrativi e regolamentari per definire compiutamente il complesso sistema di gestione dell’accreditamento istituzionale e, nell’ottica del miglioramento continuo, nei prossimi mesi saranno necessari ancora ulteriori aggiustamenti amministrativi”.

Sanità e cittadini

“Le strutture sanitarie e sociosanitarie umbre – ha concluso l’assessore – hanno collaborato fattivamente al raggiungimento di questo primo risultato, dimostrando comprensione per il difficile lavoro che stiamo svolgendo e una forte determinazione a conseguire l’obiettivo comune, nell’interesse di tutti i cittadini, di realizzare un sistema sanitario regionale sicuro e di qualità”.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]