CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sanità, in Umbria 200 mila a rischio malattie cardiovascolari

Cronaca e Attualità

Sanità, in Umbria 200 mila a rischio malattie cardiovascolari

Redazione
Condividi

Una visita per misurare il colesterolo

PERUGIA – È allarme colesterolo anche in Umbria. I dati sono davvero preoccupanti e vengono diffusi alla vigilia di un convegno organizzato dalla Sezione Umbria della Società Italiana per lo studio dell’Arteriosclerosi, che si propone, oltre al confronto tra i principali esperti nazionali, di mandare un appello a tutti i cittadini, senza distinzione di età. “È necessario invertire la rotta attuando corretti stili di vita, trattando con farmaci coloro che necessitano di un intervento farmacologico, promuovendo la cultura della salute, nessun messaggio di minaccia, ma la realtà non può essere sottaciuta”, anticipa il professor Matteo Pirro, responsabile scientifico della riunione programmata per mercoledì 21 settembre (inizio ore 9) presso la Scuola di Medicina e Chirurgia del Polo Unico del Santa Maria della Misericordia.
“Alti livelli di colesterolo nel sangue comportano un aumento significativo del rischio di presentare eventi cardio-vascolari, quali infarto del miocardio, ictus cerebrale e ischemia degli arti inferiori -sottolinea il professor Elmo Mannarino, presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia-. Tale rischio -aggiunge- è particolarmente evidente nei pazienti con ipercolesterolemia secondaria a specifiche mutazioni genetiche”.

Il messaggio Il messaggio cui fanno riferimento gli organizzatori è rivolto soprattutto a quanti presentano un livello di colesterolo elevato : ” In Umbria si stima che siano quasi 200.000 – precisa il Prof. Pirro – ; tra questi, i soggetti affetti da ipercolesterolemia su base genetica sono circa 5.000, a cui vanno aggiungenti 20.000 soggetti affetti dalla cosiddetta forma poligenica comune, una condizione spesso conseguente a difetti genetici minori ed a stili di vita scorretti “. Anche alla luce delle ultime linee guida europee sulla prevenzione cardio-vascolare, presentate solo pochi giorni fa a Roma, “controllare i livelli di colesterolo sin da giovani, prima dei 18 anni, e ripeterli almeno ogni 5 anni è un obbligo – precisa il Prof. Mannarino -, che diventa indifferibile se il paziente è esposto ad altre condizioni che predispongono allo sviluppo di placche arteriosclerotiche e quindi nei soggetti a maggiore rischio cardio-vascolare”.
L’ipercolesterolemia non è il solo fattore responsabile dell’aumentato rischio cardio-vascolare. Altre condizioni sono l’obesità, le malattie immunitarie ed infettive e l’inquinamento ambientale; ognuna di esse può giocare un ruolo determinante e spesso misconosciuto nel promuovere tale rischio. “Diffondere le conoscenze più attuali su questi specifici argomenti” – aggiunge Mannarino – è di vitale importanza per promuovere una cultura globale della prevenzione cardio-vascolare”.

Terapia Il convegno riserverà grande attenzione agli aspetti terapeutici più innovativi in campo di prevenzione e terapia delle malattie cardio-vascolari su base arteriosclerotica. “L’avvento di nuovi farmaci tecnologici, gli inibitori del PCSK9, per la cura dei pazienti con ipercolesterolemia grave o di quelli a rischio cardio-vascolare più alto, offre oggi soluzioni terapeutiche inimmaginabili solo pochi anni fa” afferma, il professor Pirro. “Poter ridurre i livelli di colesterolo di almeno il 60% con una iniezione sotto-cutanea ogni 2 settimane è di estrema utilità per poter raggiungere i livelli desiderabili di colesterolo nei pazienti a maggiore rischio cardio-vascolare”.
La regolamentazione delle prescrizioni e del consumo di prodotti nutraceutici “da banco” per la correzione di fattori di rischio cardio-vascolare, quali l’ipercolesterolemia, l’ipertrigliceridemia, l’iperglicemia e l’ipertensione arteriosa sarà oggetto di discussione specifica durante il Convegno. Saranno oggetto di dibattito gli aspetti controversi della terapia con inibitori dell’assorbimento intestinale del colesterolo ed anti-trombotica nei pazienti che hanno già presentato un evento ischemico cardio-vascolare. Nel programma della riunione uno spazio è riservato al contributo che il gruppo scientifico guidato da Mannarino ha dato alla ricerca nel campo dell’arteriosclerosi e delle malattie ad essa correlate negli ultimi 20 anni.

Tags: