CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Sanità a Terni, Cavicchioli (Pd) spariglia su lavori, sedi e nomine

Terni Politica

Sanità a Terni, Cavicchioli (Pd) spariglia su lavori, sedi e nomine

Andrea Giuli
Condividi

Andrea Cavicchioli

TERNI – Le varie problematiche della sanità locale sembra proprio che, adesso, vengano prese di petto dalla maggioranza consiliare a palazzo Spada, così come, nelle ore scorse, gli stessi protagonisti avevano fatto sentire la propria voce sui temi ambientali e sulla rinascita del teatro Verdi. Questa volta, sulla sanità, l’appello di Cavicchioli e del Pd ternano mette sul tavolo anche una questioncina non secondaria: alcune nomine di vertice all’interno dell’ospedale locale. Un tentativo, forse, di uscire d’un balzo da una specie di pantano e di smuovere un pò le acque.

Sede Usl “A seguito della richiesta – scrive il capogruppo comunale del Pd, Cavicchioli – che insieme al consigliere Lamanna avevo formalizzato, acquisita la disponibilità dei direttori dell’Usl, Fiaschini e dell’azienda ospedaliera Santa Maria, Dal Maso, il presidente della seconda commissione comunale, Filipponi, ha convocato per il prossimo 16 febbraio la seduta della commissione per un confronto su tematiche particolarmente rilevanti: per quanto riguarda l’Usl è necessario che vi sia chiarezza definitiva per la procedura di realizzazione della nuova sede con tempi certi, tenendo conto degli impegni assunti e della rilevanza dell’investimento sotto vari profili, nonchè della necessità di integrazione con l’azienda ospedaliera per ottimizzare l’offerta dei servizi ed affrontare le criticità segnalate”.

Ospedale: lavori e nomine Continua la nota di Cavicchioli: “Per le problematiche dell’ospedale, occorre un crono-programma operativo per la conclusione della modernizzazione e dell’adeguamento delle strutture e delle dotazioni, con un quadro di riferimento verificabile per l’attuazione. Nel contempo, occorre completare le procedure per la sostituzione di direttori di strutture complesse e di settori rilevanti e rivedere l’assetto degli attuali comparti, utilizzando nel modo migliore le risorse disponibili, coltivando con l’Università di Perugia rapporti basati sulla necessità di apporti di qualità per il nosocomio ternano, valorizzando la ricerca e la sperimentazione”.

Sindacati e mobilitazione “In questo contesto – conclude il capogruppo dem –  vanno date risposte concrete anche alle organizzazioni sindacali che con la proclamazione dello stato di agitazione del personale ospedaliero hanno posto problemi meritevoli di attenzione”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere