CARICAMENTO

Scrivi per cercare

San Pio torna a vegliare sull’ospedale di Terni: ecco la statua rinnovata

Cronaca e Attualità Terni

San Pio torna a vegliare sull’ospedale di Terni: ecco la statua rinnovata

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – Torna alla luce la statua di San Pio da Pietrelcina che campeggia all’ingresso dei Poliambulatori davanti all’ospedale di Terni. Stamattina, alla presenza dei gruppi di preghiera dedicati al santo, che hanno fortemente voluto e finanziato il restauro è stato tolto il velo e il Santo frate è tornato a vegliare sui degenti e sulle famiglie. Una data, quella di oggi, scelta non a caso: il 20 settembre di 99 anni fa infatti, comparvero le stigmate sulle mani del frate oggi canonizzato.

Il lavoro sulla statua. Padre Pio campeggia davanti all’ospedale dal 1994, realizzato dallo scultore Vincenzo Cesarino e voluto dall’allora amministratore straordinario dell’azienda ospedaliera Ciano Ricci Feliziani. Il restauro, che ha ridato splendore alla statua è stato realizzato dall’artista ternano residente ad Avigliano Umbro Gianluca Pastorelli

Guida per degenti. “Padre Pio è tornato al suo posto, una presenza silenziosa ma decisiva per invitarci ad andare avanti”, ha spiegato il responsabile regionale dei gruppi di preghiera di Padre Pio della Diocesi don Adolfo Bettini nel discorso che ha aperto la cerimonia di svelamento, preceduta dalla recita del Santo Rosario, animata da padre Angelo Gatto, cappellano dell’ospedale, da don  Bettini e dal responsabile diocesano degli stessi gruppi don Francesco Vaccarini. “I medici e gli infermieri sono a loro modo missionari, oltre che professionisti – ha detto don Adolfo Bettini – perchè l’aspetto umano è importante quanto quello sanitario. Il lato umano è la medicina che risolleva l’anima”.

A togliere il velo materialmente, il vescovo monsignor Giuseppe Piemontese e il direttore dell’azienda ospedaliera Maurizio Dal Maso. Il presule, nell’omelia alla Liturgia della Parola ha insistito sul concetto di ospedale come grande chiesa “e i medici sono i sacerdoti di questa cattedrale”, spiegando l’importanza della presenza di Padre Pio in una struttura intitolata a Santa Maria, come guida ulteriore per superare la sofferenza del ricovero.

Sotto, l’intervista al restauratore

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere