CARICAMENTO

Scrivi per cercare

San Gemini, ok al piano di predissesto. Minoranze scatenate, il sindaco rintuzza

Terni Politica

San Gemini, ok al piano di predissesto. Minoranze scatenate, il sindaco rintuzza

Andrea Giuli
Condividi

SAN GEMINI – Acque perennemente agitate al palazzo comunale di San Gemini. E non si tratta di acque minerali.

Predissesto “lacrime e sangue” Martedì scorso, nell’ennesima seduta drammatica del consiglio comunale, è stato infatti approvato il piano di rientro dal predissesto finanziario dell’ente, proposto dalla giunta sangeminese. L’atto è passato con 6 voti di maggioranza, quello del sindaco Grimani e 5 voti contrari dei consiglieri di opposizione. Va detto che, a quanto risulta, lo stesso vicesindaco ha votato a favore turandosi il naso, esprimendo cioè forti perplessità in merito. Si tratta di un piano per 1,7 milioni di euro da spalmare in 8 anni, fino al 2024. Du que, di fatto, immediatamente operativo, con quel che ne consegue a fine anno in termini di incrementi fiscali e tariffari per i cittadini.

Trotti e Laurucci attaccano Feroce, in particolare, la contrarietà di una parte della minoranza, costituita dall’ex vicesindaco Mimma Trotti e da Fabio Laurucci. Ecco la loro nota:

“Il piano di predissesto proposto dalla giunta comunale ed approvato dalla maggioranza (con palese riserva manifestata anche dal vicesindaco) è stato ratificato da una maggioranza non convinta e che non convince. Il nostro voto non poteva che essere ferocemente contrario ad un piano lacrime e sangue che lascia fuori dalle priorità contabili servizi e risorse fondamentali.

Scuola Volta Per quanto riguarda la scuola A. Volta abbiamo riscontrato e denunciato la parzialità dei lavori effettuati per gli adeguamenti sismici necessari, rispetto al progetto originario, e riteniamo prioritario individuare ad ogni costo la copertura di spesa per la messa in sicurezza degli edifici scolastici.

Geolab, biblioteca, università Tagli di spesa irricevibili anche per quanto riguarda il Geolab, aperto solo su appuntamento e che rischia pertanto di essere escluso dai circuiti museali umbri; la biblioteca ridotta a semplice funzione di prestito librario, a rischio anche la collaborazione con l’Università americana per non aver deliberato un patrocinio che garantirebbe importanti lavori di restauro conservativo, attraverso cantieri didattici.

Sociale e sicurezza, tagli Vergognosi anche i tagli al sociale ed alla sicurezza: Esprimiamo fortissima preoccupazione rispetto ai mancati impegni già presi con delibere di giunta in merito al sostegno sociale per i minori, così come la mancanza del piano di emergenza comunale. Non abbiamo quindi soggetti preposti adeguatamente qualificati ad intervenire in caso di emergenza.

Raddoppio IRPEF e aumento tariffe In questo quadro devastante la maggioranza pensa di fare cassa sulla pelle della cittadinanza, raddoppiando l’Irpef indiscriminatamente su tutti i livelli di reddito, o aumentando le tariffe dei servizi a domanda individuale, nel mentre nessuna posizione apicale viene ridimensionata o accorpata, nessun segnale quindi sul piano dei tagli a specifici ed intollerabili privilegi, nell’ottica dell’efficientamento della macchina comunale.

Censura Nel denunciare l’atteggiamento di qualcuno che si è impegnato in queste settimane per impedirci di accedere agli atti politici ed amministrativi, ribadiamo la volontà di lavorare per prefigurare una nuova fase politica per la città, oltre il dissesto in cui questa maggioranza sta lasciando precipitare il tessuto sociale. Lavoreremo con ancora maggiore sforzo per favorire la conoscenza da parte dei cittadini di quanto sta accadendo e per condividere proposte concretamente alternative”.

Leonardo Grimani

Leonardo Grimani

La replica del sindaco Grimani Nella giornata di sabato si registra la puntuta replica del sindaco di San Gemini, Leonardo Grimani: “Le affermazioni Trotti e Laurucci sul piano di riequilibrio approvato a San Gemini sono del tutto prive di fondamento. Il piano e’ sicuramente teso a risanare definitivamente le finanze del Comune con piena assunzione di responsabilita’ della attuale maggioranza che lo approvato senza alcuna difficolta’ e nella massima trasparenza in un consiglio durato poco piu’ di due ore. Tale piano non sacrifica minimamente gli stanziamenti nel campo sociale, poiche’ gli importi di bilancio sono esattamente gli stessi dello scorso anno. Non abbiamo sacrificato nessun posto di lavoro, nè abbiamo massimizzato le tasse e le tariffe. Ci sono esenzioni per l’addizionale irpef per i redditi sotto a 10.000 euro e per le tariffe mensa e trasporto scolastico per i redditi sotto a 7500 euro. Abbiamo mantenuto lo sconto Imu/tasi per le seconde case concesse in comodato ai figli e abbiamo salvaguardato il patto per la scuola per un importo di 5000 euro. Abbiamo difeso gli stanziamenti per l’ufficio di cittadinanza, il trasporto per gli studenti sangeminesi che si recano alle scuole superiori di Narni. Insomma, nessuna lacrima e niente sangue. Non sono accettabili le speculazioni sui lavori riguardanti la scuola media che sono terminati e in linea con le premesse. Ieri, il sottoscritto ha firmato la riapertura della palestra comunale, anch’essa interessata da lavori di miglioramento sismico. Troviamo davvero di basso profilo il tentativo di raccontare una storia diversa dalla realta’ solo per fini meramente propagandistici. In merito ai privilegi vorremmo ricordare che per l’ennesimo anno la giunta ha confermato il taglio delle indennità’. Al termine della legislatuta avremo lasciato 120.000 euro nelle casse del Comune (dati verificabili in qualunque istante). I capo area sono 4 e sono diminuiti di una unita’ rispetto all’inizio della legislatura. Di questi 4 capo area uno e’ in regime part time ed un altro in convenzione con il Comune di Montecstrilli per un costo annuo di euro 4000. Inaccettabile assistere ad un teatrino indegno messo in piedi da chi fino a 6 mesi fa era all’interno della maggioranza, paradossale che chi ha condiviso 8 anni di amministrazione di centro sinistra, come Mimma Trotti, faccia finta di essere arrivata ora in consiglio comunale. Siamo sicuri che i cittadini sapranno ben comprendere la diversità’ tra chi cerca di dare un futuro migliore a San Gemini e chi preferisce urlare alla luna per fini elettorali”.

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere