CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Rogo nell’azienda chimica a Marghera: gravissimi i due ustionati, vengono da Terni

Cronaca e Attualità Terni

Rogo nell’azienda chimica a Marghera: gravissimi i due ustionati, vengono da Terni

Redazione
Condividi

VENEZIA – E’ di due feriti gravi, al momento, il bilancio dell’incendio sviluppatosi questa mattina in un’azienda chimica di Marghera (Venezia). A confermarlo l’assessore alla Protezione civile della regione Veneto, Gianpaolo Bottacin: “Il primo ferito è stato trasportato in elisoccorso a Verona, il secondo trasferito da Dolo al Centro grandi ustionati di Padova”.     Bottacin ha definito quanto accaduto un “incendio molto complesso”. “Sono intervenuti i vigili del fuoco di Venezia, Vicenza, Padova e Treviso – ha spiegato – in questo momento l’area è circoscritta ma è difficile pensare ad uno spegnimento rapido in tempi brevi, quindi non è possibile escludere nuove esplosioni”.

Esplosione A scatenare le fiamme, la cui origine è ancora tutta da stabilire, sarebbe stata un’esplosione. Rapidamente i 12.000 metri quadrati dell’azienda vengono avvolti dalle fiamme e da un fumo nero e denso visibile a diversi chilometri di distanza. Subito è stato applicato il piano provinciale emergenza esterno per incidenti rilevanti, che ha previsto la chiusura delle strade intorno allo stabilimento mentre l’amministrazione comunale ha scritto sui social network di tenere in via precauzionale le finestre chiuse visto che ancora non si conosce bene cosa stesse bruciando.      L’incendio è stato circoscritto dopo circa tre ore ma le operazioni di spegnimento e bonifica continueranno presumibilmente per tutta la giornata di oggi e la notte.Sono novanta i vigili del fuoco impegna

Secondo quanto si apprende i due lavoratori ustionati, di nazionalità straniera vengono da Terni e lavorano per conto di una ditta ternana che si  occupa di impianti elettrici industriali. Feriti gravi, ustionati entrambi, uno elitrasportato all’ospedale di Verona. Il secondo è stato trasportato prima all’ospedale di Dolo e poi a quello di Padova. I due ragazzi avevano i vestiti in fiamme ed è dovuto intervenire un addetto con l’estintore. L’incendio ha interessato un’area di 10mila metri quadrati.