CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Tragico rogo Ast: l’ingegnere ternano Marco Pucci ha fatto richiesta di grazia a Mattarella

Economia ed Imprese EVIDENZA Cronaca e Attualità Terni Extra

Tragico rogo Ast: l’ingegnere ternano Marco Pucci ha fatto richiesta di grazia a Mattarella

Andrea Giuli
Condividi

L'impianto Ast di Terni

TERNI – Secondo il quotidiano La Repubblica di oggi, nella sua versione on line, l’ingengere ternano Marco Pucci, ex amministratore delegato di Ast, e da circa due anni recluso nel carcere di Terni (insieme al collega dirigente Daniele Moroni) dopo la condanna a 6 anni e 10 mesi per il tragico rogo dell’Ast di Torino di 10 anni fa, dove morirono 7 operai, avrebbe chiesto la grazia al presidente della Repubblica Mattarella. Secondo il prestigioso quotidiano, la richiesta sarebbe stata inoltrata dal legale di Pucci, Ezio Audisio, già da diverso tempo e avrebbe suscitato l’ira dei familiari delle vittime. Attualmente, l’ingegnere Pucci (così come Moroni) usufruisce della possibilità di lavorare all’esterno del carcere durante il giorno, per poi rientrare nel pomeriggio presso la casa circondariale di Sabbione.

Marco Pucci

Marco Pucci

Iter Come specifica lo stesso giornale “la lettera è stata inviata già qualche tempo fa al tribunale di sorveglianza di Terni e, come vuole la procedura, è passata nelle mani di Francesco Saluzzo, procuratore generale di Torino, dove è stata depositata la sentenza. L’iter prevede poi che sia il ministero di Grazia e Giustizia a dover esprimere un parere vincolante sull’ammissibilità della domanda e, a quel punto, spetterà al presidente della Repubblica decidere se concederla”.

(Servizio in aggiornamento) 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere