CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, rissa in via Vico: per la Questura solo una banale lite di strada

Cronaca e Attualità

Terni, rissa in via Vico: per la Questura solo una banale lite di strada

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Da quanto affermano gli stessi inquirenti, almeno per un volta, non si intravede all’orizzonte nessun fasciorazzista cattivissimo per vocazione e nessun immigrato di colore, delinquente per definizione. Meno male. Martedì mattina, presso la questura di Terni, il vicequestore aggiunto, Giuseppe Taschetti e il sostituto commissario, Anna Maria Mancini, hanno tenuto una breve conferenza stampa per chiarire i risvolti della lite andata in scena lo scorso sabato sera, nella centrale via Vico, tra un ventenne ternano e un paio di coetanei nigeriani.

Banale lite di strada “Visto il clamore e le voci più varie suscitate dal fatto di sabato scorso – ha detto Taschetti – abbiamo ritenuto precisare alcuni elementi in nostro possesso nel merito. Dagli accertamenti fatti, tra l’altro non avrà terminati, si tratta di una lite di strada per fatti tutto sommato banali. Il ragazzo ternano stava rientrando di sera nella sua abitazione, quando ha visto un ragazzo di colore fermò davanti al partono del palazzo. A questo punto, il ragazzo di Terni si è insospettito ed ha chiesto ragione al coetaneo straniero di cosa stesse facendo lì; quest’ultimo ha risposto che stava aspettando un suo amico nella vicinissima tabaccheria per comprare le sigarette. La risposta non ha convinto il ternano che ha pensato a ben altri motivi ed è scattata la lite durante la quale sono stati branditi dei rami di oleandro presi nelle immediate vicinanze”.

Ricordiamo che subito dopo la micro-rissa il padre del ragazzo ternano è sceso sotto casa, rimanendo anch’egli in qualche modo coinvolto nella vicenda. Subito dopo è scattato l’allarme, con la chiamata al 113 da parte di alcuni passanti.

Immigrati regolari Per il commissario Mancini, dunque, “grazie alla video sorveglianza del negozio vicino siamo riusciti ad individuare i volti dei due giovani di colore ed abbiamo iniziato la ricerca nel quartiere, anche grazie all’aiuto di alcune associazioni caritatevoli che si occupano di accoglienza di immigrati. E abbiamo rintracciato i due stranieri nella loro abitazione. Si tratta di due ragazzi nigeriani, del 1997 e del 1998, con regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari e senza alcun precedente. Il 19enne straniero, peraltro, ha riportato lievi contusioni durante la colluttazione e che non si tratti di individui pericolosi è anche testimoniato dal fatto che appena dopo la lite uno di loro due si è rivolto al tabaccaio per spiegare l’accaduto. Insomma, non sono scappati, come avverrebbe in altri casi”.

Al momento, dunque, non vi sono denunce e sembra scartato l’episodio a sfondo razziale. Gli inquirenti invieranno un’informativa generale alla procura sull’accaduto che deciderà sul da farsi.

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere