CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Rischio idrogeologico in Umbria: 30 milioni di euro per interventi: le zone interessate

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Terni Extra

Rischio idrogeologico in Umbria: 30 milioni di euro per interventi: le zone interessate

Redazione
Condividi

Il Tevere in piena
PERUGIA – In Umbria sono stati portati a compimento tutti gli interventi, per un importo di circa 70 milioni di euro, programmati per la mitigazione e la prevenzione del rischio idrogeologico sul territorio regionale colpito frequentemente da eventi atmosferici estremi. Per proseguire nell’azione costante e assidua per la messa in sicurezza e la difesa del territorio, la corretta gestione dei corsi d’acqua superficiali e delle aree boschive, ci saranno a disposizione per il triennio 2019-2021 oltre 30 milioni di euro, di cui 9 milioni già impegnati per l’anno in corso.

 

Tandem A illustrare gli investimenti e gli interventi realizzati e che potranno essere attuati sono stati il presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, e l’assessore regionale all’Ambiente, Fernanda Cecchini. “Sono state sanate tutte le principali criticità – ha sottolineato il presidente Paparelli – attraverso l’utilizzo in maniera virtuosa delle risorse dei fondi Fsc, il Fondo per lo sviluppo e la coesione. In particolare – ha ricordato – sono stati attivati 56 interventi connessi a fenomeni alluvionali relativi al reticolo idraulico principale e secondario, interventi di manutenzione e interventi sulle frane, per un importo complessivo di quasi 70 milioni di euro”.

Zone Fra gli interventi effettuati, quelli per la messa in sicurezza idraulica del fiume Topino a difesa dell’abitato di Cannara, del tratto fluviale del fiume Tevere in località Pontenuovo di Torgiano, sul tratto del Fosso di Cuccaro che attraversa l’abitato di Cascia. “Quasi tutte le aree ricadono in territori a rischio R4, cioè molto elevato, del Piano Assetto Idrogeologico, nell’ambito del Piano di Bacino del Fiume Tevere. Interventi urgenti e prioritari hanno riguardato – ha aggiunto Paparelli – la messa in sicurezza anche delle zone industriali e artigianali, compresa la messa in sicurezza della città di Terni e della zona industriale Terni-Narni”. Con le economie realizzate – ha detto ancora – la Giunta regionale ha stabilito di provvedere al completamento di altri interventi. Circa 1 milione e 150mila – ha specificato – verrà ripartito per la messa in sicurezza dell’abitato di Ponte San Giovanni di Perugia, il completamento di lavori sul torrente Tresa, nel territorio di Città della Pieve, lavori urgenti sul fiume Nera per la messa in sicurezza idraulica dell’abitato di Borgo Cerreto e per interventi di consolidamento sul torrente Serra nel territorio comunale di Terni. Inoltre, con oltre 267mila euro, anche questi derivanti da economie, verrà ultimato il piano di interventi per la mitigazione del massimo rischio idraulico R4 per l’abitato di Ponte Valleceppi di Perugia, completando con una stazione di pompaggio le opere di smaltimento delle acque interne, da utilizzare in caso di piena del Tevere per prevenire l’allagamento dell’abitato come accaduto in passato”.

Gli interventi da fare “Per il triennio 2019-2021 possiamo contare su due fonti di finanziamento – ha precisato l’assessore Cecchini –  per 30 milioni di euro, fra risorse del Programma di sviluppo rurale e quelle dall’Accordo Stato-Regioni dell’ottobre 2018, di cui 9 milioni già impegnati per quest’anno. Nel triennio quasi 26 milioni di euro, investimenti dei tre consorzi e dell’Afor, l’Agenzia forestale regionale, che dal 1 luglio prossimo subentrerà nelle funzioni alle Comunità montane. Con una recente delibera, la Giunta regionale ha intanto stanziato oltre 4 milioni e mezzo di euro per finanziare interventi rimasti esclusi dallo specifico bando del Programma di sviluppo rurale e di nuovi progetti con la stessa finalità di mitigazione del rischio idrogeologico. È previsto – ha concluso – il finanziamento di una ventina di progetti presentati dai Consorzi e dall’Afor sulla base di un elenco di interventi e un ordine di priorità da loro stessi indicati”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere