CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ricostruzione post sisma, via libera dal Consiglio dei ministri al decreto

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra EVIDENZA2 Città

Ricostruzione post sisma, via libera dal Consiglio dei ministri al decreto

Redazione
Condividi

Un momento della visita del premier a Norcia

PERUGIA – Nella mattinata dell’11 ottobre, il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge che, in 53 articoli, fissa i capisaldi di tutti gli interventi necessari alla ricostruzione e al sostegno alla ripresa economica delle zone colpite dal terremoto in Centro Italia del 24 agosto. La struttura articolata e dettagliata del provvedimento ne fa una sorta di vademecum, con l’obiettivo di essere, per quanto possibile, esaustivo. Molteplici le misure di sostegno previste: risarcimento integrale per le case e gli edifici colpiti, prestito d’onore per il riavvio delle attività produttive, cassa integrazione in deroga per i lavoratori di imprese coinvolte nel sisma, rinvio di imposte e tasse per quanti (singoli e imprese) documenteranno che l’impossibilità del pagamento è strettamente connessa al terremoto.

Risorse Con l’approvazione del decreto, sono stati stanziati subito 300 milioni di euro. La somma totale, invece, sarà di 3,5 miliardi. Ad annunciarlo è stato martedì pomeriggio nel corso di una conferenza stampa il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti.

Legalità e trasparenza Per assicurare il massimo della regolarità in tutte le fasi, il provvedimento – oltre alla supervisione dell’Anac – prevede una centrale unica di committenza, un albo delle imprese e uno dei professionisti, oltre a garantire dati costantemente aggiornati.

Governance Raccordo tra Governo centrale e territori interessati dal sisma: il commissario straordinario viene infatti affiancato dai presidenti delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria come vice commissari e da quattro Uffici speciali per la ricostruzione (uno per ogni Regione).

Le parole della presidente Marini “Positivo e importante che oggi il governo abbia approvato il decreto legge che indica regole e risorse per la  ricostruzione nelle aree colpite dal sisma, tra cui la nostra Umbria ed in modo particolare la Valnerina”: così la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, sull’approvazione del Decreto legge terremoto avvenuta stamani in Consiglio dei ministri. “Il Presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi – ha aggiunto Marini -, ha affiancato sin  dalle prime ore per l’assistenza alle popolazioni le nostre comunità,  assumendosi impegni istituzionali importanti,  cioè di definire strumenti e adeguate risorse finanziarie per assicurare a cittadini e comunità locali la ricostruzione delle proprie abitazioni, delle imprese, degli edifici pubblici,    in primo luogo le scuole,  e dei Beni culturali. Assicurazioni che si sono tradotte, con il provvedimento approvato oggi,  in norme reali. Abbiamo condiviso i contenuti di questo decreto in forma partecipata come presidenti di Regione – ha evidenziato Marini, a partire dalla scelta di ‘governance’ che ci vedrà coinvolti nell’attività del Commissario straordinario per la ricostruzione, Vasco Errani, ed anche nella collaborazione istituzionale con sindaci e Comuni. Il Governo con il decreto di oggi – ha concluso la presidente – ci dà certezze sulle regole e sulle risorse finanziarie adeguate per fronteggiare, accanto alla ricostruzione, anche un progetto di sviluppo economico e di lavoro in queste aree, a cominciare per noi dal rilancio del turismo”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere