CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Regione, sulla nomina dei direttori generali veleni e malumori

Perugia Politica

Regione, sulla nomina dei direttori generali veleni e malumori

Redazione politica
Condividi
La sede della Regione al Broletto
La sede della Regione al Broletto

PERUGIA – Conferme e non pochi malumori. Come previsto su queste colonne lunedì pomeriggio la presidente della Regione Tesei ha firmato i decreti di nomina dei quattro direttori e dei due commissari straordinari delle Usl 1 e 2. Confermati i nomi della vigilia: Carlo Cipiciani, cui sono stati affidati Risorse, programmazione, cultura e turismo; Claudio Dario, Salute e welfare; Stefano Nodessi Proietti, Governo del territorio, ambiente e protezione civile e Luigi Rossetti a cui vanno Sviluppo economico, agricoltura, lavoro, istruzione, Agenda digitale. Tutti gli incarichi avranno la durata di sei mesi e decorreranno dal primo gennaio 2020, ad eccezione della Direzione Governo del territorio, Ambiente, Protezione civile che ha decorrenza dal 17 febbraio 2020, quando sarà in uscita Alfiero Moretti. Come detto la Giunta ha anche nominato commissario straordinario dell’Usl1 Silvio Pasqui e della 2 Massimo De Fino, in sostituzione dei dimissionari Luca Lavazza e Massimo Braganti. Gli incarichi avranno durata fino al 30 giugno 2020. Questo per quanto riguarda la cronaca.

Malumori Ma sul fronte politico, soprattutto all’interno della maggioranza di centrodestra, non mancano malumori per quelle che da più parti vengono bollate come nomine in peretta continuità con la precedente giunta regionale guidata da Catiuscia Marini. Su questo dalle parti della Giunta si fa filtrare il seguente ragionamento: avevamo tempi stretti a disposizione e non potevano fare altro di quello che abbiamo fatto poi tra sei mesi valuteremo tutto l’assetto e se necessario si cambierà. Una cosa è certa al momento si è scelto di seguire la strada della continuità amministrativa.

Proroga La Giunta poi ha deciso di avvalersi di tre uscenti per un periodo limitato di tempo: Alfiero Moretti continuerà a occuparsi della ricostruzione post terremoto fino al 17 febbraio, Lucio Caporizzi della nuova programmazione dei Fondi Ue 2021-2027 e Ciro Becchetti della Politica agricola comune. Per Becchetti e Caporizzi la proroga è di sei mesi.

Tesei Sul punto Tesei, cercando di arginare i malumori piazza l’asticella dei sei mesi e della verifica: “Abbiamo cercato di valorizzare il curriculum di ciascuno e di valutare il meglio che poteva essere in questo momento, con un incarico a sei mesi proprio per esaminare il funzionamento della macchina e l’operatività dei singoli settori”. La partita per il momento si chiude così. E al palazzone del Broletto, sono pochi a stappare bottiglie di champagne. A sera, un esponente della maggioranza, sintetizza il tutto così scrollando la testa: “Con queste nomine assomigliamo più a una Giunta di centrosinistra che di centrodestra…”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere