CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Regione, Piano sociale: operativo in Umbria il nuovo sistema informativo

Politica Sanità

Regione, Piano sociale: operativo in Umbria il nuovo sistema informativo

Redazione
Condividi

Anziana assistita da un'operatrice

PERUGIA – Dal primo gennaio 2017 è pienamente operativo, in tutte le dodici zone sociali dell’Umbria, il nuovo Sistema Informativo Sociale (S.I.SO), nato su iniziativa dell’assessorato alla salute, alla coesione sociale e al welfare per una raccolta più omogenea delle informazioni riguardanti il disagio sociale, al fine di fornire risposte più efficaci ai bisogni dei cittadini.

Di cosa si tratta  “Il S.I.SO – spiega l’assessore Luca Barberini – è uno degli assi portanti del nuovo piano sociale regionale. Per la prima volta, in Umbria, viene introdotto un sistema di monitoraggio informativo che permette di misurare concretamente lo stato di bisogno dei cittadini e gli interventi realizzati nel settore sociosanitario, tramite un meccanismo di controllo su chi riceve sostegno e chi no, grazie alla messa in rete degli uffici di cittadinanza dei comuni, con la struttura regionale e gli altri enti della pubblica amministrazione che si occupano di sociale. Si tratta di una vera e propria rivoluzione, visto che finora ogni struttura agiva in maniera indipendente, con il rischio di finanziare e sostenere più azioni di contrasto verso lo stesso disagio oppure di ignorare forme non sostenute da nessuno. L’obiettivo del progetto è quindi capire meglio i bisogni e intervenire in maniera più equa ed efficace, in linea con le problematiche riscontrate da un’analisi della situazione economica e ambientale, senza lasciare indietro nessuno”.
“Utilizzando la procedura S.I.SO – prosegue Barberini – ad oggi, nelle dodici zone sociali della regione, sono stati registrati circa 12mila accessi ai servizi di accoglienza (corrispondenti a oltre 8mila cittadini) e sono state prese in carico oltre 3mila persone seguite da operatori sociali professionali, attraverso le nuove metodologie e i nuovi standard”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere