CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Regione: approvata all’unanimità mozione in difesa della Corte d’ Appello di Perugia

Politica

Regione: approvata all’unanimità mozione in difesa della Corte d’ Appello di Perugia

Redazione
Condividi

Mantenere la Corte d’Appello di Perugia; confermare esistenza e conformazione dei tre Circondari umbri; riequilibrare le competenze territoriali, demografiche e funzionali, valutando la Corte di Perugia come idonea e vocata ad estendere il proprio servizio ai confermati Circondari; aggiornare gli organici degli Uffici, magistratuali e amministrativi, degli Uffici giudicanti e requirenti. Sono questi i punti centrali della mozione unitaria, proposta firmata da tutti i gruppi (Fi, Pd, Fdi, Ln, Rp, Ser, M5S) e approvata all’unanimità nella seduta odierna dell’Assemblea legislativa dell’Umbria.

Il documento impegna la Giunta regionale ad attivarsi nei confronti di tutti i soggetti “parlamentari, governativi, politici e tecnici, magistratuali e forensi nonché amministrativi e mezzi di informazione” affinché si tenga conto di tali proposte nei contenuti della “eventuale nuova legge delega sull’ordinamento e la geografia giudiziaria nazionale”.

La mozione invita quindi l’Esecutivo regionale a “partecipare in tale spirito e con tali obbiettivi, a tutte le iniziative indette e le sedi ufficiali istituite e competenti sul tema della geografia giudiziaria”. Si chiede poi l’attivazione di uno specifico “tavolo di consultazione, coordinamento e promozione operativa” con il mondo forense umbro: in particolare con gli Ordini degli Avvocati di Perugia, di Terni e di Spoleto, il rappresentante umbro nel Consiglio nazionale forense (Cnf), i due rappresentanti umbri nell’Organismo Unitario dell’Avvocatura (Oua), i due rappresentanti dell’avvocatura nel Consiglio Giudiziario del Distretto. La mozione unitaria approvata dall’Aula nasce da due analoghe iniziative dei consiglieri Fiorini e Mancini (LN), e di Nevi (FI), Squarta (FdI), Ricci e De Vincenzi (RP), Fiorini e Mancini (LN), poi ritirate per orientarsi su un testo condiviso (primo firmatario Nevi-FI) e votato da tutti i gruppi.