sabato 25 Giugno 2022 - 22:40
30.3 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Regione, agricoltura: al via due bandi strategici da 7,2 milioni di euro

Stanziamento per favorire la creazione di imprese agricole biologiche da parte dei giovani e nuove attività extra agricole nelle aree del “cratere” del sisma 2016

TERNI – La giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Roberto Morroni, ha attivato due nuovi bandi del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2022: il primo, con una dotazione finanziaria di 6 milioni di euro, è relativo ad “Aiuti all’avviamento di impresa per i giovani agricoltori”; il secondo, con un plafond di 1,2 milioni di euro, interviene a “Sostegno, creazione, sviluppo delle imprese extra-agricole nei settori commerciale, artigianale, turistico, servizi, innovazione tecnologica”.

“Sono due bandi strategici per l’agricoltura umbra, che rafforza ulteriormente le basi del suo rilancio – sottolinea l’assessore Morroni – Prosegue, infatti, la nostra azione per incentivare l’insediamento dei giovani agricoltori, al fine di garantire il necessario ricambio generazionale. È uno degli obiettivi chiave che ci siamo posti, come confermano gli ingenti finanziamenti assegnati dall’inizio dell’anno a questo scopo: 6 milioni con questo nuovo bando, che vanno ad aggiungersi agli oltre 19 milioni di euro ottenuti dalla Regione nel riparto del fondo nazionale integrativo a seguito dell’estensione della programmazione di sviluppo rurale al 2022. Altrettanto significativa è la ‘missione’ dell’altro bando al quale la Giunta regionale ha dato il via libera – aggiunge Morroni – poiché va a incidere, nel tentativo di rimuoverli, sui problemi di spopolamento delle aree rurali, aggravati dall’emergenza sanitaria, con attenzione particolare a quelle del ‘cratere’ del sisma 2016”.

Risorse in linea con gli impegni europei

“Le risorse messe a disposizione – rileva l’assessore – provengono dal pacchetto ‘Euri’, strumento europeo per la ripresa economica post pandemica, e sono in linea con gli impegni ambientali e climatici e con le nuove ambizioni stabilite nel Green Deal europeo. I finanziamenti del primo bando – spiega ancora Morroni – sono riservati esclusivamente per l’insediamento di giovani agricoltori in aziende che adottano pratiche e metodi di produzione biologica, o con l’impegno del giovane beneficiario ad aderire a tale metodo di coltivazione successivamente alla data d’invio del nulla osta di concessione del sostegno. Gli aiuti dell’altro bando – aggiunge – incentivano, invece, la ripresa socioeconomica nelle aree rurali, attraverso la creazione di nuove attività nel settore extra agricolo, per dare una risposta alle sfide determinate dalla crisi COVID-19 e per promuovere una ripresa economica resiliente, sostenibile e digitale. Sono, pertanto, previsti criteri di priorità principalmente per i Comuni del cratere del terremoto di sei anni fa e per le aree rurali con problemi di sviluppo”.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]