CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Regionali, Zingaretti, tour in Umbria per Bianconi: “Vinceremo, la regione va rispettata, non usata”. Il ministro Guerini alla Fabbrica d’Armi

EVIDENZA Politica Extra

Regionali, Zingaretti, tour in Umbria per Bianconi: “Vinceremo, la regione va rispettata, non usata”. Il ministro Guerini alla Fabbrica d’Armi

Redazione politica
Condividi

NARNI – E’ arrivato in Umbria, prima tappa a Narni, Nicola Zingaretti, segretario del Pd, per sostenere la candidatura di Vincenzo Bianconi alle regionali. “Sono qui per combattere assieme e vincere queste regionali. Stanno arrivando in Umbria tutti i ministri e i sottosegretari del Pd”:  ha detto il presidente della Regione Lazio. “Dobbiamo combattere – ha aggiunto – non solo per un partito, ma vincere per salvare l’Umbria, l’orgoglio di un territorio. Dire che l’Umbria si rispetta e non si usa per logiche nazionali”.
Alle regionali il Pd sostiene la candidatura civica di Vincenzo Bianconi con il M5s e altre tre liste.
“Dobbiamo difendere l’Umbria e l’Italia – ha sottolineato ancora Zingaretti – dalle balle di Salvini: se non Ci fosse questo governo l’Iva sarebbe certamente aumentata. L’Umbria è degli umbri. Ci presentiamo con un candidato imprenditore, con un’ esperienza civica che nasce dal territorio”. A chi gli chiede un commento alla sicurezza di Matteo Salvini, sulla vittoria, Zingaretti ha replicato: “Era sicuro anche di governare cinque anni e poi abbiamo visto come è finita”. Ad acoglierlo a Narni il sindaco De Rebotti, il presidente della regione Paparelli, il presidente  del consiglio comunale Giovanni Rubini e la candidata Silvia Tiberti.

Alle 18. 30 ha parlato in piazza a Foligno: “Non fidatevi di Salvini, uno che ha perso il Governo qualche mese fa e che vede L’Umbria come una vendetta politica. Bianconi è il migliore. Siamo un nuovo modello che si è messo formato con grande coraggio – dice Bianconi – un cambiamento per mettere al centro comunità e territori Alla politica è mancata la programmazione, il coraggio delle scelte. Dobbiamo creare una visione senza far dimenticare le nostre radici. Combattiamo guardando le persone. La campagna si vince guardando negli occhi le persone che hanno paura del futuro. Si sentono incerti perché pensano che qualcosa non va. Ma diciamo che Matteo Salvini è stato migliore a raccontare i problemi e il peggiore a risolverli. Ha usato i problemi ma poi si scorda di raccontare l’eredità delle follie che raccontavano”. Alle 20.30 cena al Trasimeno e alla presenza di molti candidati nelle liste di Bianconi – al ristorante “Da Faliero” a Magione.

Prossimi appuntamenti. Zingaretti prosegue il tour in Umbria. Sabato 19 ottobre alle 9 sarà a Pian di Massiano; alle 10,30 a Città di Castello all’auditorium Sant’Antonio; alle 16 al lungolago di Passignano e alle 17 a Marsciano al teatro Concordia. La visita si chiuderà nella mattinata di domenica a Norcia per iniziative e incontri sulla ricostruzione.

Guerini. Nel pomeriggio, il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha visitato il Polo di Mantenimento Armi leggere: Ad accoglierlo il comandante dei Trasporti e materiali, il maggiore generale Arnaldo Della Sala, e il direttore dello stabilimento, il brigadiere generale Vincenzo Sanfilippo. Con loro Guerini si è intrattenuto tra i vari reparti e la
raccolta tecnica della ex Fabbrica d’armi e poi ha incontrato il personale. “Ho scelto questo stabilimento – ha spiegato – perché mi è stato illustrato come un punto di eccellenza. Ho avuto l’occasione di conoscerlo personalmente, di apprezzarne la storia, le competenze e la passione di chi ci lavora, di capire quali sono i punti su cui lavorare, che si inseriscono
all’interno di una cornice più ampia che riguarda altri enti della difesa”.

A detta del ministro la legge 244/12, che prevede la riduzione entro il 2024 degli organici del personale civile della Difesa, merita “una riflessione, anche con il Parlamento, rispetto alle conseguenze”.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere