CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Rebus Ast, il 28 maggio tavolo al Mise. Positivo al Coronavirus dipendente di una ditta esterna

Economia ed Imprese Terni

Rebus Ast, il 28 maggio tavolo al Mise. Positivo al Coronavirus dipendente di una ditta esterna

Redazione economia
Condividi
L'interno di Ast
L'interno di Ast

TERNI – Adesso c’è l’ufficialità: si svolgerà giovedì 28 maggio all 11, a Roma, l’incontro al ministero dello Sviluppo Economico con i parlamentari umbri sulla vertenza Ast.  La convocazione, firmata dal vice capo di Gabinetto Giorgio Sorial, è arrivata nella mattinata di sabato. L’appuntamento arriva a pochi giorni dalla decisione di Thyssenkrupp di cedere o di trovare un partner internazionale per il sito siderurgico di viale Brin. Intanto venerdì il prefetto, Emilio Dario Sensi, ha incontrato i sindacati per fare il punto della situazione. Il prefetto ha assicurato che terrà informato il Governo della questione e seguirà da vicino tutti gli sviluppi della vicenda. Nel frattempo il senatore della Lega, Stefano Lucidi, osserva che “il silenzio del Movimento 5 Stelle umbro sulla questione Ast conferma l’inadeguatezza della classe dirigente del partito di Di Maio sia nella regione così come a livello nazionale”. Infine il Pd di Terni auspica una riflessione su “un nuovo ruolo strategico complessivo e generale della siderurgiaitaliana”.

Positivo. Intanto, però, si registra il primo caso di positività al Covid 19 presso lo stabilimento. Si tratta di un dipendente di una ditta fornitrice. Ast, si legge nella nota della società “ha prontamente informato il Prefetto di Terni e si è resa disponibile per consentire la completa valutazione dell’evento e garantire la più ampia collaborazione e coordinamento con l’Autorità sanitaria competente”.

“Tutte le attività necessarie per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori sono state messe in atto e ogni figura aziendale – prosegue la nota –  dotata di un compito preciso secondo il piano di emergenza Ast in caso di contagio Covid 19, è stata avvisata. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione  è in costante contatto con il Medico Competente, il Dirigente Delegato dell’area coinvolta e Ast, nonché con il titolare della ditta fornitrice, per seguire l’evoluzione della situazione. Ast, in via prudenziale, sta valutando e ponendo in essere ulteriori misure volte a garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori, nel rispetto della normativa applicabile. Sin dall’inizio dell’emergenza, Acciai speciali Terni ha lavorato a stretto contatto con le autorità locali per rispondere in modo proattivo alla situazione di emergenza e preservare la salute di tutti i suoi dipendenti. Questo è accaduto non solo adottando le misure ministeriali e regionali, ma anche incrementando in autonomia gli interventi previsti. In quest’ottica, Ast ha introdotto in stabilimento una serie di misure preventive che assicurano ai lavoratori la possibilità di operare secondo gli standard di sicurezza più elevati attualmente disponibili e garantiscono la normale continuità aziendale. La tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori rappresentano per Ast la priorità assoluta”

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere